Festa della Repubblica

Perché la bandiera italiana è verde, bianca e rossa

Sapete perché la bandiera italiana è verde, bianca e rossa? Per la Festa della Repubblica, vi raccontiamo la storia del nostro bellissimo tricolore
colori-bandiera

In occasione della Festa della Repubblica, abbiamo deciso di raccontarvi la storia della nostra bandiera e del perché, come colori, siano stati scelti il bianco, il rosso e il verde. Il tricolore italiano quale bandiera nazionale nasce a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797,  su proposta del deputato Giuseppe Compagnoni, nel Parlamento della Repubblica Cispadana. Quel giorno si decreta “che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco, e Rosso, e che questi tre Colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti”. Ma perché proprio questi tre colori? Nell’Italia del 1796, attraversata dalle vittoriose armate napoleoniche, le numerose repubbliche di ispirazione giacobina adottarono quasi tutte, con varianti di colore, bandiere caratterizzate da tre fasce di uguali dimensioni, ispirate al modello francese del 1790.

Perché la bandiera è verde, bianca e rossa

Anche i reparti militari “italiani” ebbero stendardi che riproponevano la medesima foggia. In particolare, i vessilli reggimentali della Legione Lombarda presentavano, appunto, i colori bianco, rosso e verde, fortemente radicati nel patrimonio collettivo di quella regione. Il bianco e il rosso, infatti, comparivano nell’antichissimo stemma comunale di Milano (croce rossa su campo bianco), mentre verdi erano, fin dal 1782, le uniformi della Guardia civica milanese. Gli stessi colori, poi, furono adottati anche negli stendardi della Legione Italiana, che raccoglieva i soldati delle terre dell’Emilia e della Romagna.

La proclamazione del Regno d’Italia

Il 17 marzo 1861 venne proclamato il Regno d’Italia e la sua bandiera continuò ad essere quella della prima guerra d’indipendenza. Ma la mancanza di una apposita legge al riguardo portò alla realizzazione di vessilli di foggia diversa dall’originaria, spesso addirittura arbitrarie. Soltanto nel 1925 si definirono, per legge, i modelli della bandiera nazionale e della bandiera di Stato. Quest’ultima avrebbe aggiunto allo stemma la corona reale.

La nascita della Repubblica

Dopo la nascita della Repubblica, un decreto legislativo presidenziale del 19 giugno 1946 stabilì la foggia provvisoria della nuova bandiera. Fu confermata dall’Assemblea Costituente nella seduta del 24 marzo 1947 e inserita all’articolo 12 della nostra Carta Costituzionale. E perfino dall’arido linguaggio del verbale possiamo cogliere tutta l’emozione di quel momento, quando il presidente Ruini pone ai voti la nuova formula: Pongo ai voti la nuova formula: “La bandiera della repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a bande verticali e di eguali dimensioni”. Viene approvata. L’Assemblea e il pubblico delle tribune si levano in piedi in un vivissimo e prolungato applauso. 

© Riproduzione Riservata
Commenti