Gennaro Amandonico, storia del prof che insegna con versioni di latino tratte dalle canzoni di oggi

Intervista al professore di latino che alla ripresa delle lezioni ha accolto in classe gli studenti con “Imperatum adeamus” la versione latina del tormentone estivo “Andiamo a comandare”
Gennaro Amandonico, storia del prof che insegna con versioni di latino tratte dalle canzoni di oggi

MILANO –”I miei figli mi hanno sfinito con questa canzone, così ho pensato di usarla per lavorare in classe con gli alunni. Mi diverte vedere le loro facce quando gradualmente capiscono di cosa si tratta.” Nasce così l’originale idea di Gennaro Amandonico, professore di latino presso il liceo scientifico Paolo Giovio di Como, il quale alla ripresa delle lezioni lunedì scorso ha accolto in classe gli studenti con “Imperatum adeamus” la versione latina del tormentone estivo di Fabio Ravazzi “Andiamo a comandare”. La notizia ha fatto molto discutere e si è in poco tempo diffusa sui social  network.

LEGGI ANCHE: Perché a scuola si dovrebbe ancora studiare il Latino? Ecco 5 buoni motivi

NON SOLO MUSICA – Intervistato dal Correre della Sera, il prof spiega che non è la prima volta che fa tradurre dal latino testi rock o rap ai suoi studenti, da Vasco Rossi a Jovanotti, al posto dei classici Cicerone ed Aristotele. “Cerco brani che i ragazzi conoscono bene e li sfrutto per ragionare con loro sulla grammatica e la sintassi”. Un modo efficace anche per mettere a proprio agio i suoi studenti. Non solo musica: il prof Amandonico si diverte a rivisitare in chiave latina icone cinematografiche e televisive come Heidi (diventata Aida), programmi tv come “Uomini e Donne” (condotto da Marius Philipporum).

METODO EFFICACE – L’efficacia del suo metodo è provata anche dal fatto che spesso sono gli stessi suoi alunni a prendere l’iniziativa di tradurre e rendere in latino fatti d’attualità o di cronaca, come quando un suo alunno decise di scrivere la cronaca della partita di calcio Juventus-Torino in latino. “Sono di parte – conclude l’intervista il prof Amandonico – ma credo che sia una lingua bellissima. E moderna”.

© Riproduzione Riservata