Sei qui: Home » Poesie » “Stelle”, la poesia di Ungaretti sui nuovi inizi
Poesia di Ungaretti

“Stelle”, la poesia di Ungaretti sui nuovi inizi

"Stelle" è una profonda poesia di Giuseppe Ungaretti, che ci fa riflettere sull'importanza dei nostri sogni. Una poesia sulla speranza e i nuovi inizi.

Vogliamo proporvi un’intensa poesia di Giuseppe Ungaretti intitolata “Stelle”, per riflettere sulla dicotomia “angoscia e speranza”, che spesso piomba nella nostra vita. Scritta nel 1927, questa poesia fa parte della raccolta “Sentimento del tempo” ed appartiene alla sezione intitolata Sogni e accordi.

Qui i componimenti sono  brevi, caratterizzati da eleganza formale e da una forte concentrazione tematica. Leggiamola ed analizziamola insieme per comprendere meglio cosa voleva dirci Ungaretti.

Ritrovare la speranza

Ungaretti, come in tutte le sue poesie, sceglie di riflettere sull’angoscia della vita, cercando di trovare una chiave di speranza per affrontarla. Una speranza in grado di “accarezzarci” , rincuorarci. “Stelle” contiene moltissime riflessioni profonde, espresse attraverso significati simbolici complessi. 

Le favole di cui parla il poeta ermetico all’inizio della poesia, richiamano all’infanzia, al mondo dell’innocenza e della speranza. Queste favole continuano oggi a brillare come stelle, ovvero sono in grado di illuminare la nostra parte più pura, nonostante il “buio” della vita. Le stelle rappresentano anche la fede, che alta e luminosa, cerca di guidare l’uomo. 

Come sappiamo, negli anni della grande guerra (ovvero gli anni in cui scrive Ungaretti), la letteratura ha saputo raccontare perfettamente il pessimismo e la paura dell’uomo moderno. È così, che le fantasie e la fede religiosa stessa, subiscono le disillusioni proprie dell’età matura. Ecco perché, successivamente,  le favole sono paragonate a foglie spazzate via dal vento.

Cosa possiamo fare allora? Quando quel mondo fatto di sogni e speranza, viene spazzato via? 
Dobbiamo acquisire la capacità di immaginare e credere in un orizzonte migliore (un altro soffio). 
In solo tre strofe, Ungaretti alterna la speranza infantile alle disillusioni tipiche dell’età adulta, ritrovando infine una nuova speranza. 

La poesia, Stelle

Tornano in alto ad ardere le favole.
Cadranno colle foglie al primo vento.
Ma venga un altro soffio,
ritornerà scintillamento nuovo.

© Riproduzione Riservata