Sei qui: Home » Poesie » Specchio, la poesia di Salvatore Quasimodo che descrive la potenza della vita
poesia d'autore

Specchio, la poesia di Salvatore Quasimodo che descrive la potenza della vita

Salvatore Quasimodo è stato uno dei maggiori esponenti dell’ermetismo italiano. In questa poesia descrive la potenza della natura e della vita

Salvatore Quasimodo è stato un noto poeta ermetico Italiano, che ha saputo rivoluzionare il linguaggio dell’intero panorama letterario del suo tempo. Attivo nelle due guerre mondiali, vicino all’esperienza poetica di Ungaretti e Montale, ha saputo tradurre le sue esperienze di vita in ogni singola poesia. In questa, intolata “specchio”, Quasimodo ci parla dell’ esplosione che la vita è in grado di fare insieme alla natura, unendosi alle sue forme più estreme.

Il miracolo della vita e della natura

Tutto inizia con un paesaggio morto, un tronco secco, gemme rotte. Tutto sembra fermo. Eppure, da lì, dalla fermezza, nasce il miracolo. Quel miracolo che solo la natura e la vita sono in grado di compiere. Insieme.
Tutto sembra prendere una piega diversa, l’acqua si fa limpida e il cielo riflette nei fossi. La natura, verde, rigogliosa, “spacca la scorza”. Sì, la scorza della vita che spesso si fa troppo dura, si spezza.
Il poeta si lascia finalmente andare, il cuore finalmente si riposa. Tutto diventa uno spettacolo di cui godere al massimo. La vita diventa un miracolo in cui rispecchiarsi.

Salvatore Quasimodo, le 5 poesie più celebri

Salvatore Quasimodo, le 5 poesie più celebri

Salvatore Quasimodo è considerato uno dei più importanti poeti italiani, esponente di spicco della poesia ermetica. Ecco le sue poesie più celebri

La poesia di Quasimodo

Ed ecco sul tronco
si rompono le gemme:
un verde più nuovo dell’erba
che il cuore riposa:
il tronco pareva già morto,
piegato sul botro.

E tutto mi sa di miracolo;
e sono quell’acqua di nube
che oggi rispecchia nei fossi
più azzurro il suo pezzo di cielo,
quel verde che spacca la scorza
che pure stanotte non c’era.

© Riproduzione Riservata