Poesia

“Non abbandonarti”, la poesia di Tagore sull’importanza di continuare a lottare

Il poeta bengalese Tagore ci invita a uscire dalle tenebre della paura per vivere con coraggio e tenacia il mondo che ci attende ogni giorno
poesia-tagore

Nelle sue liriche, come nella sua vita, il poeta bengalese Rabindranath Tagore espresse la propria passione e la sua convinta ricerca dell’armonia e della bellezza nonostante le difficoltà. Per “la profonda sensibilità, per la freschezza e bellezza dei versi che, con consumata capacità, Rabindranath Tagore riesce a rendere nella sua poeticità, espressa attraverso il suo linguaggio inglese, parte della letteratura dell’ovest”, nel 1913 Rabindranath Tagore venne insignito del Premio Nobel per la Letteratura. Oggi, rileggiamo una delle sue poesie più celebri “Non abbandonarti”: un invito a uscire dal buio delle paure per continuare a lottare e a vivere ogni giorno con coraggio e fiducia nel domani. 

Non abbandonarti

Non abbandonarti, tienti stretto,
e vincerai.
Vedo che la notte se ne va:
coraggio, non aver paura.
Guarda, sul fronte dell’oriente
di tra l’intrico della foresta
si è levata la stella del mattino.
Coraggio, non aver paura.

Son figli della notte, che del buio battono le strade
la disperazione, la pigrizia, il dubbio:
sono fuori d’ogni certezza, non son figli
dell’aurora.
Corri, vieni fuori;
guarda, leva lo sguardo in alto,
il cielo s’è fatto chiaro.
Coraggio, non aver più paura.

© Riproduzione Riservata
Commenti