Poesia

“Le piccole cose che amo di te”, una poesia di Stefano Benni sull’amore che invecchia

Un ritratto autentico e ironico dell'amore quotidiano, fatto di quelle tante piccole cose che impariamo ad amare nell'altro
poesia-benni

Il bello dei libri di Stefano Benni è che sai, prima ancora di iniziarli, che ti trasporteranno in un mondo fatto di animali parlanti, personaggi assurdi, incroci sorprendenti di realtà e fantasia capaci di far rinascere il bambino nascosto in ciascuno di noi. Così come le sue poesie, dove i sentimenti assumono la forma di oggetti, dettagli e figure inaspettate. Tra le sue poesie più famose rileggiamo oggi “Le piccole cose di te”, dal libro “Prima o poi l’amore arriva“, un ritratto autentico e ironico dell’amore quotidiano, dell’amore che si trasforma col passare degli anni, dell’amore fatto di tante piccole cose che impariamo ad amare dell’altro. 

La poesia

Le piccole cose
che amo di te
quel tuo sorriso
un po’ lontano
il gesto lento della mano
con cui mi accarezzi i capelli
e dici: vorrei
averli anch’io così belli
e io dico: caro
sei un po’ matto
e a letto svegliarsi
col tuo respiro vicino
e sul comodino
il giornale della sera
la tua caffettiera
che canta, in cucina
l’odore di pipa
che fumi la mattina
il tuo profumo
un po’ balsé
il tuo buffo gilet
le piccole cose
che amo di te

Quel tuo sorriso
strano
il gesto continuo della mano
con cui mi tocchi i capelli
e ripeti: vorrei
averli anch’io così belli
e io dico: caro
me l’hai già detto
e a letto sveglia
sentendo il tuo respiro
un po’ affannato
e sul comodino
il bicarbonato
la tua caffettiera
che sibila in cucina
l’odore di pipa
anche la mattina
il tuo profumo
un po’ demodé
le piccole cose
che amo di te

Quel tuo sorriso beota
la mania idiota
di tirarmi i capelli
e dici: vorrei
averli anch’io così belli
e ti dico: cretino,
comprati un parrucchino!
E a letto stare sveglia
e sentirti russare
e sul comodino
un tuo calzino
e la tua caffettiera
che é esplosa
finalmente, in cucina!
La pipa che impesta
fin dalla mattina
il tuo profumo
di scimpanzé
quell’orrendo gilet
le piccole cose
che amo di te.

Stefano Benni

© Riproduzione Riservata
Commenti