Sei qui: Home » Poesie » “Inverno” di Giuseppe Ungaretti, la poesia sui bisogni della nostra anima

“Inverno” di Giuseppe Ungaretti, la poesia sui bisogni della nostra anima

Inverno è una poesia breve, ermetica, tipica di Giuseppe Ungaretti: una perla su cui riflettere in questo periodo invernale

Brevemente, come una lama, la poesia ermetica “Inverno” di Giuseppe Ungaretti, descrive quello che un po’ ognuno di noi prova durante questa stagione. D’inverno infatti, abbiamo tutti un po’ bisogno di protezione, di calore, di trovare una cornice in cui ritrovare noi stessi. Una specie di letargo dell’anima, una ricarica. La voce più originale e acuta della nostra letteratura contemporanea, nato il’8 febbraio 1888, ci regala sempre preziose ma piccole perle di riflessione.

Giuseppe Ungaretti, le poesie più belle

Giuseppe Ungaretti, le poesie più belle

Giuseppe Ungaretti è uno dei massimi poeti del Novecento e una delle voci più struggenti della poesia di guerra. Ecco i suoi versi più conosciuti e toccanti

Inverno, la poesia

Come la semente anche la mia anima ha bisogno del dissodamento nascosto di questa stagione.

"Perché diciamo così", il libro sul significato e origine dei modi di dire

“Perché diciamo così”, il libro sull’origine e sul significato dei modi di dire

Scopri perché utilizzi le frasi fatte, grazie al libro di Saro Trovato, fondatore di Libreriamo, in cui 300 modi di dire non avranno segreti

I bisogni della nostra anima

Lontano dal caos, lontano dal chiasso, lontano dai riflettori. La nostra anima, a volte, ha bisogno di protezione, di calore, come se dovesse andare in letargo. Un’analogia breve ma efficace, come sempre sa fare Ungaretti. Il nostro Io ha dei semi da proteggere e coltivare, tranquillamente, sotto un terriccio umido. Questo permette ci fa fiorire, crescere, essere liberi. E così, come se la neve fosse in grado di ricoprire il nostro mondo interiore, abbiamo bisogno di nasconderci un po’. Abbiamo bisogno di ritrovare la nostra dimensione più intima, pura. Ricercare e mettere da parte quelle riserve emotive in grado di farci sentire vivi. Per questo, forse, l’inverno e in particolare il periodo Natalizio corrisponde anche a giorni da passare in famiglia, davanti al camino, nella casa d’infanzia. Perché, spesso, anche la nostra anima ha bisogno della sua terra fertile per saper rinascere.

Giuseppe Ungaretti

Nato ad Alessandria d’Egitto l’8 febbraio 1888 e scomparso a Milano il 1º giugno 1970. Giuseppe Ungaretti è stato un poeta, scrittore, traduttore, giornalista e accademico italiano, tra i principali poeti della letteratura italiana del XX secolo. Inizialmente influenzato dal simbolismo francese, la sua poesia fu caratterizzata nei primi tempi da componimenti brevissimi, costituiti da poche parole essenziali e da analogie a volte ardite, compresi principalmente nella raccolta L’allegria (1916); passò poi a lavori più complessi e articolati dal contenuto concettualmente difficile. Una terza fase della sua evoluzione poetica, segnata dal dolore per la perdita prematura del figlio, ha compreso opere meditative dall’intensa riflessione sul destino umano. Negli ultimi anni le sue poesie furono specchio della saggezza, ma anche del distacco e della tristezza dell’età avanzata. È stato considerato da alcuni critici come anticipatore dell’ermetismo.

La poesia di Giuseppe Ungaretti creò un certo disorientamento sin dalla prima apparizione del Porto Sepolto. A essa arrisero i favori sia degli intellettuali de La Voce, sia degli amici francesi, da Guillaume Apollinaire a Louis Aragon, che vi riconobbero la comune matrice simbolista. Non mancarono polemiche e vivaci ostilità da parte di molti critici tradizionali e del grande pubblico. Non la compresero, per esempio, i seguaci di Benedetto Croce, che ne condannarono il frammentismo.

A riconoscere in Giuseppe Ungaretti il poeta che per primo era riuscito a rinnovare formalmente e profondamente il verso della tradizione italiana, furono soprattutto i poeti dell’ermetismo, che, all’indomani della pubblicazione del Sentimento del tempo, salutarono in Ungaretti il maestro e precursore della propria scuola poetica, iniziatore della poesia «pura». Da allora la poesia ungarettiana ha conosciuto una fortuna ininterrotta. A lui, assieme a Umberto Saba e Eugenio Montale, hanno guardato, come un imprescindibile punto di partenza, molti poeti del secondo Novecento.

 

 

© Riproduzione Riservata