Festa dei nonni

“Alla nonna”, la poesia da dedicare a quella persona magica

Spesso il più bel regalo da fare a una persona amata è una poesia, perché dunque non donare ai propri nonni questi bei versi di D'annunzio?
Alla nonna, la poesia da dedicare a quella persona speciale

Oggi è la Festa dei Nonni, le persone a cui siamo molto legati perché ci hanno visto crescere e si sono presi cura di noi. Affettuosi, a volte apprensivi, dai solidi valori, i nonni sono e saranno sempre delle persone speciali.
A volte le poesie sono il più bel regalo da ricevere perché regalano un messaggio e danno da riflettere. Vi suggeriamo dunque di regalare ai vostri nonni questa bellissima poesia di Gabriele D’Annunzio “Alla nonna”.

LEGGI ANCHE: Festa dei Nonni, le frasi più belle da dedicare a queste persone speciali

La poesia

D’inverno ti mettevi una cuffietta
coi nastri bianchi come il tuo visino,
e facevi ogni sera la calzetta,
seduta al lume, accanto al tavolino.

Io imparavo la storia sacra in fretta
e poi m’accoccolavo a te vicino
per sentir narrar la favoletta
del Drago Azzurro e del Guerrier Moschino.

E quando il sonno proprio mi vinceva
m’accompagnavi fino alla mia stanza
e m’addormivi al suono dei tuoi baci.

Agli occhi chiusi allor mi sorrideva
in mezzo ai fiori una gioconda danza
di sonni dolci, splendidi e fugaci.

Il ricordo dei nonni

Anche se non sono più in vita, i ricordi legati ai nonni sono sempre piacevoli e dolci. Ci ricordiamo di quando ci rimboccavano le coperte, o ci leggevano una bella storia, o ci raccontavano di quando erano giovani. I nonni sono le radici della nostra famiglia trasmettendo i valori e i saperi.
In questa poesia di Gabriele D’annunzio il poeta rispolvera l’immagine della propria nonna, partendo dall’aspetto fisico: vestita come una vecchietta con un cuffia bianca e dall’incarnato pallido. Il poeta la ricorda alla luce fioca della sera, mentre fa la calza: i nonni sono portatori di saperi e di attività che ormai raramente vengono fatti. Ci fanno tenerezza quando li vediamo tutti gobbi a fare lavori di precisione o pesanti.
Nella seconda strofa il piccolo io narrante dopo aver imparato la storia sacra, si accoccola vicino alla paziente nonna che tante cose durante la sua vita ha visto e ha vissuto.
La nonna affettuosa e piena di tenerezza per il nipotino lo accompagna, dopo avergli raccontato una favola avvincente, al proprio lettino dove farà sogni sereni.
Un ricordo dolcissimo, da dedicare ai nonni per ricordare loro quanto sono speciali.

LEGGI ANCHE: I nonni più celebri della letteratura

© Riproduzione Riservata