Quanto hanno letto gli italiani nel 2018, i dati dell’AIE

L'Associazione Italiana Editori fornisce i dati sul libro e sulla lettura: l'editoria è la prima industria culturale del Paese anche se con rallentamenti
Quanto_hanno_letto_gli_Italiani_nel_2018_Ecco_i_dati_di_AIE

MILANO – Fino a oggi, venerdì 25 gennaio, a Venezia si tiene la trentaseiesima edizione della Scuola dei Librai, il seminario importante in cui l’editoria italiana e internazionale si confrontano sul presente e sul futuro del libro. I lavori del Seminario prevedono l’intervento, a fianco dei manager delle principali catene librarie europee e dei vertici dell’editoria italiana, di figure professionali e di personalità di altri settori. Proprio nella giornata conclusiva di domani, “Parlare di Europa”, interverrà Ricardo Franco Levi, il Presidente dell’Associazione Italiani Editori (AIE), che comunicherà i dati relativi al libro e alla lettura nel 2018.

Quella del libro è la prima industria culturale d’Italia, anche se con rallentamenti

Il libro italiano si conferma  la prima industria culturale del Paese e la quarta editoria in Europa. Si registra un lieve rallentamento nel 2018, nel quadro di un generale rallentamento dei consumi. Sono necessarie forti politiche di promozione della lettura e di sostegno alla domanda.” dice Ricardo Franco Levi, Presidente dell’AIE “Il libro italiano è bello, forte e solido e tiene le proprie posizioni anche in un quadro di generale rallentamento dell’economia.
Infatti nel 2018 il libro italiano è la prima industria culturale del Paese e la quarta editoria d’Europa, anche se si è verificato nel corso dell’anno un rallentamento dell’economia nazionale del – 0,4% di fatturato, dopo il + 5,8% del 2017, nei canali trade (librerie, grande distribuzione organizzata- Gdo, store on line compresa la stima di Amazon a cura dell’AIE).

La libreria è il canale di vendita privilegiato

Da questi dati si evince che la libreria rimane il canale di vendita privilegiato dai lettori: le librerie intercettano il 69% degli acquirenti; cresce il peso delle librerie online e un libro su quattro viene acquistato online; più debolmente cresce il mercato degli ebook, che costituisce il 5% del mercato trade.

29,8 milioni di Italiani su 60,59 milioni leggono un libro all’anno

Nel 2018 legge il 65,4% degli Italiani, dai quattordici ai settantacinque anni, e 29,8 milioni leggono un libro all’anno. Il 62% della popolazione legge libri cartacei, mentre l’8% legge solo ebook e l’8% fa uso di audiolibri, mentre per il restante 30% è indifferente il supporto di lettura. Con il 62% di lettori (di libri di carta) l’Italia continua, tuttavia, ad occupare le posizioni di coda nel ranking europeo: dietro ci sono solo Slovenia, Cipro, Grecia e Bulgaria. I lettori forti, ossia coloro che leggono più di dodici libri all’anno, sono 5 milioni.

Le età della lettura

Legge ben il 91% dei 4-9enni e l’88% nella fascia 10-14 anni. Con il crescere dell’età il valore scende progressivamente fino al 72% dei 45-54enni, che diventa il 23% dei 65-74enni.

 

© Riproduzione Riservata