Morto l’attore Carlo Delle Piane

Lavorò con Pupi Avati e Totò ed esordì nel 1948 come Garoffi nel “Cuore” di De Sica e Coletti
Morto l'attore Carlo Delle Piane

MILANO – È morto a Roma ad 83 anni Carlo Delle Piane, uno degli attori più eclettici, singolari e sottovalutati del nostro paese.

Nato proprio nel cuore della capitale, a Campo de’ Fiori nel ’36 si era ritrovato nel 1948 un po’ per caso ad interpretare il Garoffi per il Cuore di De Amicis versione di Duilio Coletti, quella con Vittorio De Sica ad interpretare il maestro Perboni e la Mercader la maestrina dalla penna rossa.

Tra gli anni cinquanta e sessanta è stato protagonista da comprimario di tantissime commedie: compare nel ruolo di figlio di Totò in Guardia e ladri nel 1951 ad appena quindici anni; è spalla di Alberto Sordi in Un americano a Roma, prendendosi da Albertone il reiterato tormentone “e statte zitto cicalò”. Nel 1970 Delle Piane trova il suo primo vero ruolo importante in Lady Barbara, l’ennesimo film lancio per una star della musica, Renato dei Profeti, ma che vede il sempre comico minuto attore romano alle prese perfino con una suonata al piano che ricorda un lontano Paolo Conte.

A valorizzarne il talento il regista Pupi Avati, che nel ’77 gli fece fare il salto di qualità, rendendolo protagonista in Tutti defunti tranne i morti, una volta lo definì “il fil rouge del cinema italiano del dopoguerra”. Il film è chiaramente grottesco e Delle Piane allarga i minutaggio ma non è ancora pronto per il salto nei ruoli drammatici che lo faranno definitivamente conoscere al grande pubblico. Sempre con Avati interpreta il ruolo clamoroso dell’avvocato Santelia in Regalo di Natale (1986). L’attore romano a 50 anni vince la Coppa Volpi come miglior attore al Festival di Venezia.
© Riproduzione Riservata