L'ultimo aforisma

Le ultime parole dei grandi scrittori

Ecco una lista con le frasi dette dalle grandi scrittrici e scrittori poco prima di morire
Le ultime parole dei grandi scrittori

MILANO – Gli scrittori,  nel corso della loro vita, hanno trasformato la loro parola in fonte di sostentamento e fonte di ispirazione per tutti coloro che la leggessero. Il loro pensiero si è più volte trasformato in un ideale che ha smosso migliaia di persone tanto da farli diventare veri e propri oracoli viventi. Quello che ci chiediamo oggi è quali siano state, messe per iscritto o pronunciate a voce, le ultime frasi dei grandi scrittori. Hanno detto qualcosa di importante o di estremamente banale?

.

Clicca qui per visitare la sezione Aforismi del nostro sito !

.

Signore, aiuta la mia povera anima” (Edgar Allan Poe 1809-1849)

.

Più luce” (Johann Wolfgang von Goethe 1749-1842)

.

Buonanotte micetto” – Parlando con sua moglie prima di uccidersi. (Ernest Hemingway 1899-1961)

.

O se ne va questa carta da parati o me ne vado io!” (Oscar Wilde 1854-1900)

.

Morire è facile, recitare è difficile” (George Bernard Shaw 1856-1950)

.

Che cosa vi succede? Vi sembro strano?” (Robert Louis Stevenson 1850-1894)

.

Ma i contadini… come muoiono i contadini?” (Lev Tolstoj 1828-1910)

.

Qualcuno capisce?” (James Joyce 1882-1941)

..

Otto giorni di febbre! Avrei avuto il tempo di scrivere ancora un libro” (Honoré de Balzac 1799-1850)

.

Non voglio altro che morire” (Jane Austen 1775-1817)

.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata