Sei qui: Home » Lingua Italiana » 15 espressioni in latino che usiamo ancora oggi
Latino lingua viva

15 espressioni in latino che usiamo ancora oggi

Avete mai notato quante volte adoperate termini o espressioni in latino senza accorgervene? Ecco i latinismi che usiamo ogni giorno

Avete mai provato a vedere quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperate termini latini o di provenienza latina senza che ve ne accorgiate? Provate a farlo da oggi e vedrete, con stupore, che anche coloro che non “sanno di latino” adoperano con la massima disinvoltura i cosiddetti latinismi che – come si sa – sono quelle parole o locuzioni o costrutti ripresi direttamente dal latino ed entrati a pieno titolo nella nostra lingua. Insomma – come recita il titolo di un libro di Cesare Marchi – siamo tutti latinisti. Chi consciamente, chi inconsciamente.

Le 10 parole latine che raccontano il mondo di oggi

Le 10 parole latine che raccontano il mondo di oggi

Ad indicarcele Nicola Gardini, autore del libro “Le 10 parole latine che raccontano il nostro mondo” che valorizza la lingua latina, tesoro di significati che continuano a parlarci

Alcuni esempi

Il latino è una lingua più viva che mai. Vogliamo una “prova provata”? Basta sfogliare un libro di poesie, per averla. In questo campo, infatti, i latinismi la fanno da padroni. Vediamone qualcuno a mo’ d’esempio: colubro, da coluber (serpente); imago (immagine); simulacro, da simulacrunm (statua, immagine); aere, da aer (aria), e qui è doveroso aprire una parentesi per ricordare che tutti i sostantivi composti con “aer” non prendono la “e” dopo la “r”: aeroporto, (non aereoporto); aerazione; aeratore; aerofobia; aeromanzia ; aeronautica e via dicendo.

Le 10 parole latine che raccontano il mondo di oggi

Perché a scuola si dovrebbe ancora studiare il Latino? Ecco 5 buoni motivi

Il 9 e 10 aprile sono in programma diverse iniziative per celebrare l’attualità del latino in occasione della Prima giornata mondiale della lingua latina. Ecco 5 buoni motivi per cui studiare il latino nelle scuole

Dal latino all’italiano

Adesso vediamo, invece, le parole e le locuzioni passate direttamente in italiano nella loro forma originaria (il latino classico) o attraverso il latino medievale e che – come dicevamo – adoperiamo tutti i giorni senza, probabilmente, rendercene conto. Sono moltissime anche in questo caso, citiamo quelle che – a nostro avviso – sono le più comuni.

Cominciamo con “ad libitum”, che significa “a piacere, a volontà”: prendine ad libitum; “ad honorem”, a titolo d’onore; “mea culpa”; “pro memoria”; “ad personam”; “coram populo” (in pubblico, di fronte a tutti); “ex aequo” (alla pari); “more solito” (secondo il costume, l’usanza); “brevi manu” (a mano); “pro domo sua” (per il proprio tornaconto); “sub iudice” (in attesa di giudizio). E qui apriamo un’altra parentesi: si scrive con la “i” normale, non con la “j”.

Ivano Dionigi,"Il presente non basta", un libro sul latino che tutti gli studenti dovrebbero leggere

Ecco perché il latino è una lingua che ci insegna a vivere ancora oggi

Molto spesso in classe si ripetono a memoria nozioni apparentemente inutili, perché studiare il latino è così importante? Ce lo spiega il Professor Ivano Dionigi

Ancora. “In toto” (in tutto e per tutto); “inter nos” (in confidenza, tra noi); “sui generis” (particolare); “factotum” (chi fa tutto); “post scriptum” (in calce); “status quo” e “statu quo” (“la condizione preesistente”); “alter ego” (un sostituto, un altro “me stesso”). Potremmo continuare ancora nell’elenco, ma non vogliamo tediarvi oltre misura.

 

© Riproduzione Riservata