Viaggio a Barcellona attraverso i romanzi di Zafón

Attraverso i libri del celebre scrittore spagnolo, è possibile ricostruire un itinerario turistico alla scoperta dei luoghi suggestivi di Barcellona
Viaggio a Barcellona attraverso i romanzi di Zafón

MILANO – “La lettura è il viaggio di chi non può prendere un treno” affermava lo scrittore francese Francis de Croisset. Una frase che assume u nsenso ancor più profondo in quegli autori che hanno ambientato i loro libri nei luoghi in cui vivono e sono cresciuti. Uno di questi è Carlos Ruiz Zafón, autore di bestseller come L’ombra del vento e il Il labirinto degli spiriti e che ha ambientato i suoi principali successi nella sua città natale, Barcellona, non soltanto uno sfondo, ma vero e proprio elemento narrativo all’interno della quale si muovono i personaggi protagonisti delle sue opere. Scopriamo insieme la magia di una città come Barcellona attraverso i luoghi narrati dallo scrittore catalano.

LEGGI ANCHE: In Provenza sulle orme di Vincent Van Gogh

Il Cimitero dei Libri Dimenticati

Si tratta di uno dei luoghi principali dell’omonima quadrilogia di libri di Zafón. Questo luogo non esiste, ma trae spunto dalla stretta viuzza di Carrer de l’Arc del Teatre, un vicolo che si trova alla fine de Las Ramblas, nel quartiere di Raval. Esso è un luogo fondamentale per la fiction di Zafón: è proprio qui che il protagonista de “L’ombra del vento” Daniel trova il libro che cambierà per sempre la sua vita.

Santa Maria del Mar

Costruita tra il 1329 e il 1383, la basilica di origine gotica è la musa ispiratrice del protagonista de “Il gioco dell’angelo“, grazie alla quale scoprirà un mistero conenuto all’interno del libro “Lux Aeterna” preso dal cimitero dei libri perduti.

Els Quatre Gats

In Calle Montsiò sorge il celebre Els Quatre Gats, lo storico bar/taverna fondato alla fine del 1800, uno dei pilastri della vita culturale della città. E’ qui che Daniel incontra Gustavo Barcelò il libraio antiquario al quale si affida per avere delucidazioni sull’opera da lui scelta nel Cimitero dei Libri Dimenticati.

Plaza Real

Qui è dove Daniel si reca per leggere libri a Clara, la bella e cieca nipote di Don Gustavo Barcelò di cui è innamorato. Lo stesso Barcelò qui provò, senza successo, a comprare la copia originale del libro “L’ombra del vento”. Sempre a Plaza Real Daniel incontra Fermín Romero de Torres, un mendicante che diventerà aiutante nella libreria Sempere e in seguito suo amico fidato.

Rambla

E’ una delle strade più famose di Barcellona, e non poteva di certo mancare all’interno del percorso narrativo dei romanzi di Zafón. Molto spesso i personaggi dei suoi libri si incontrano e si scontrano a Barrio Ggotico e Raval, due quartieri divisi dalla celebre strada percorsa ogni anno da migliaia di turisti.

Villa Helius

Situata all’incrocio tra Calle Panamà e Calle Abadesa Olzet, è qui dove vive il Conte Pedro Vidal, il mentore di David Martin protagonista de Il gioco dell’angelo. Costruita alla fine del 1800, la villa esiste ancora oggi esiste davvero ed è  suddivisa in appartamenti.

Montjuic

Si tratta della grande montagna che scorge a sud ovest di Barcellona, dove si trova il cimitero modernista in cui riposa la madre di Daniel Sempere protagonista de L’ombra del vento. Dalla fiction alla realtà, in questo luogo si trova la tomba del celebre artista Joan Mirò. In cima alla catena montuosa si trova invece il carcere dove è rinchiuso Fermín Romero de Torres, luogo dove è incentrata la maggior parte della trama del libro Il prigioniero del cielo.

Tibidabo

Sulle pendici di questa collina troviamo ville moderne, alcune delle quali abbandonate, che però rivestono una location particolare nei libri di Zafón. In una di queste Óscar Drai e Marina Blau, i protagonisti del romanzo Marina, si conoscono e si innamorano. Quest’ultimi tra le tombe del Cimitero di Sarría scorgono una donna vestita di velluto nero che inseguono per il Paseo de Bonanova.

 

LEGGI ANCHE: Viaggio a Siviglia, la città del sole, di Machado e delle meraviglie

© Riproduzione Riservata