Sei qui: Home » Libri » Opere » “Quel che stavamo cercando”, il saggio di Baricco sulla Pandemia scaricabile gratis
il libro di Baricco

“Quel che stavamo cercando”, il saggio di Baricco sulla Pandemia scaricabile gratis

Quel che stavamo cercando è un saggio di Alessandro Baricco sulla pandemia, su quello che sta succedendo. Si tratta di un libro intimo e piccolo, una sorta di libro privato. È infatti un libro fatto di 33 frammenti

Oggi 22 ottobre 2020, alle 10 e 04, Alessandro Baricco ha pubblicato on line un saggio in 33 frammenti, intitolato “Quel che stavamo cercando”. Il testo è leggibile gratuitamente su tutti gli smartphone a questo è il link: www.libroprivato.it. Il concept è firmato dalla web agency dieci04, e questo spiega l’ora di rilascio.

Il saggio sulla pandemia di Baricco

Quel che stavamo cercando è un saggio di Alessandro Baricco sulla pandemia, su quello che sta succedendo, su dove stiamo andando. È stato pensato e disegnato dalla web agency dieci04 di Valentina Rivetti e Sebastiano Iannizzotto. Si tratta di un libro intimo e piccolo, una sorta di libro privato. È infatti un libro di frammenti, 33 per la precisione. Divisi in 6 sezioni.
Cos'è "l'influenza spagnola" paragonata al Covid-19 e perché si chiama così

Cos’è l’influenza spagnola paragonata al Covid-19 e perché si chiama così

Il Coronavirus è come la Spagnola secondo Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Ma cos’è “la spagnola”? Perché si chiamava così?

Lettura intima su smartphone

Si legge solo su smartphone, come un gesto intimo, scorrendo le pagine dal basso verso l’alto. Una pagina per frammento. Ogni frammento è letto da Alessandro Baricco: si può leggere dunque, ma anche ascoltare. I frammenti si possono leggere in ordine, dal numero 0 al XXIII, oppure si può saltare da uno all’altro, cercando altri sensi e nuove connessioni, approfondendo percorsi: per attivare questa modalità rapsodica, che sarebbe stata tanto cara a Julio Cortázar e al suo Rayuela, che tanto sarebbe piaciuta all’Asimov del Ciclo delle Fondazioni, basta cliccare sui cerchi che pulsano sotto alcuni frammenti. E poi perdersi.
Ciascun frammento si può condividere su WhatsApp, direct message su Instagram, Telegram, Messenger di Facebook, e ovviamente sui social.
© Riproduzione Riservata