Mondiali degli scrittori

Mondiale della letteratura, si sfidano Francia e Nigeria

Oggi esordio per il Mondiale della Letteratura lanciato da Libreriamo di una delle squadre favorite per la vittoria finale. La corazzata letteraria Francia sfida la Nigeria...

Proseguono le partite letterarie tra i nostri speciali ”book team” in occasione del Mondiale della Letteratura. Oggi la favorita Francia sfida la Nigeria. Attenti a possibili sorprese

MILANO – Oggi esordio per il Mondiale della Letteratura lanciato da Libreriamo di una delle squadre favorite per la vittoria finale. La corazzata letteraria Francia sfida la Nigeria, un book team formato da scrittori poco conosciuti al grande pubblico ma costituito comunque da autori di tutto rispetto che, grazie appunto a questo torneo letterario, possono trovare lo spazio e la visibilità che meriterebbero. Conosciamo meglio gli autori delle due formazioni.

 

FRANCIA – E’ senza dubbio una delle squadre favorite per la vittoria finale, schirando un book team di tutto rispetto con Victor Hugo, Marcel Proust, Simone de Beauvoir‎, Marguerite Duras.Capitano ideale di questa squadra è il padre del romanticismo francese Victor Hugo. Oltre ad essere poeta, drammaturgo, saggista e scrittore, Hugo è stato un artista visivo, statista, politico e attivista per i diritti umani francese. Seppe tenersi lontano dai modelli malinconici e solitari che caratterizzavano i poeti del tempo, riuscendo ad accettare le vicissitudini non sempre felici della sua vita per farne esperienza esistenziale e cogliere i valori e le sfumature dell’animo umano.
I suoi scritti giunsero a ricoprire tutti i generi letterari, dalla poesia lirica al dramma, dalla satira politica al romanzo storico e sociale, suscitando consensi in tutta Europa. Tra tutti ‘I miserabili’ (Les Misérables), romanzo pubblicato nel 1862 e considerato uno dei romanzi cardine del XIX secolo europeo, è fra i più popolari e letti della sua epoca.

NIGERIA Potrebbe essere la rivelazione di questo torneo. Parliamo della Nigeria e della letteratura nigeriana. In lingua inglese, trae spunto dalle produzione post-schiavitù del Settecento, ma è certamente nella seconda metà del Novecento, gli anni dell’indipendenza, gli anni post-colonialisti, che si ha una significativa fioritura di opere narrative, poetiche e teatrali. Da esse emerge evidente l’impegno di scrittori e intellettuali di consolidare il senso della raggiunta identità nazionale. Fra gli autori di questo filone emerge il nigeriano Cyprian Ekwensi, attento alle sfumature di una varietà etnica e linguistica che strizza l’occhio alla realtà urbana, al quale gli scrittori degli anni Settanta e Ottanta guarderanno con ammirazione.

COME VOTARE – Avete deciso per quale squadra votare? Basta andare nella sezione “I Sondaggi di Libreriamo” e scegliere quale squadra votare. Potete interaggire anche sul nostro canale Twitter e commentare l’evoluzione della partita con l’hashtag #mondialiscrittori. Non ci resta che augurare “vinca il migliore”, ma soprattutto che vinca la lettura!

19 giugno 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti