Sei qui: Home » Libri » I libri ricordano Beato Padre Pino Puglisi, il prete ucciso dalla mafia

I libri ricordano Beato Padre Pino Puglisi, il prete ucciso dalla mafia

Ucciso da Cosa nostra il giorno del suo 56° compleanno a causa del suo costante impegno sociale, a 20 anni di distanza da quel triste giorno è stato proclamato beato davanti una folla di circa centomila fedeli. E’ la storia di Don Pino Puglisi...

Nel ventennale dall’assassinio del padre palermitano, nominato Beato lo scorso maggio, noi di Libreriamo  rendiamo omaggio alla sua figura

MILANO – Ucciso da Cosa nostra il giorno del suo 56° compleanno a causa del suo costante impegno sociale, a 20 anni di distanza da quel triste giorno è stato proclamato beato davanti una folla di circa centomila fedeli. E’ la storia di Don Pino Puglisi, il prete che ha dedicato la sua vita alla lotta all’illegalità ed alla mafia. Noi di Libreriamo vogliamo omaggiarlo a 20 anni dal suo assassinio.

VITA DEDICATA ALLA SALVEZZA DEI GIOVANI – Giuseppe Puglisi nasce il 15 settembre 1937 a Brancaccio, quartiere periferico di Palermo, da una famiglia modesta. A 16 anni entra nel seminario palermitano, da cui uscirà prete il 2 luglio 1960 ordinato dal cardinale Ernesto Ruffini. Il 29 settembre 1990 inizia la sua lotta alla mafia: viene nominato parroco a San Gaetano, nel quartiere Brancaccio di Palermo, controllato dalla criminalità organizzata, in particolare dai fratelli Graviano, capi-mafia legati alla famiglia del boss Leoluca Bagarella. LA sua attività consiste nel cercare di non fare entrare all’interno dei circuiti della mafia i bambini che vivono per strada e che considerano i mafiosi degli idoli, persone che si fanno rispettare, attraverso attività e giochi che facessero capire come sia possibile ottenere rispetto dagli altri anche senza essere criminali. Il fatto che lui togliesse giovani alla mafia fu la principale causa dell’ostilità dei boss, che lo consideravano un ostacolo. Fu così che, il 15 settembre 1993, giorno del suo 56º compleanno, venne ucciso dalla mafia davanti al portone di casa intorno alle 20,45 nella zona est di Palermo, in piazza Anita Garibaldi.


IL RICORDO E L’INVESTITURA A BEATO
– Don Pino Puglisi è ricordato ogni anno il 21 marzo nella Giornata della Memoria e dell’Impegno di Libera, la rete di associazioni contro le mafie, che in questa data legge il lungo elenco dei nomi delle vittime di mafia e fenomeni mafiosi. Il 25 maggio di quest’anno, Don Pino Puglisi è stato proclamato beato sul prato del Foro Italico di Palermo, davanti ad una folla di circa centomila fedeli. La celebrazione è stata presieduta dall’arcivescovo di Palermo, cardinale Paolo Romeo, mentre a leggere la lettera apostolica, con cui si compie il rito della beatificazione, è stato il cardinale Salvatore De Giorgi, delegato da papa Francesco. È il primo martire della Chiesa ucciso dalla mafia.

16 settembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata