Aforismi

Emily Brontë, le frasi più celebri del suo capolavoro ”Cime Tempestose”

Emily Brontë, le frasi più celebri del suo capolavoro ''Cime Tempestose''

Per ricordare Emily Bronte riproponiamo alcuni tra i passi più significativi del suo capolavoro “Cime tempestose”….

MILANO – Le frasi e gli aforismi più famosi per celebrare la grande scrittrice inglese Emily Brontë, tratti dal suo romanzo più celebre “Cime Tempestose”.

Cime tempestose

Scritto fra l’ottobre 1845 e il giugno 1846, venne pubblicato per la prima volta nel 1847, sotto lo pseudonimo di Ellis Bell. Nonostante ora sia considerato un classico della letteratura inglese, Cime tempestose non venne accolto in maniera entusiastica dalla critica; la sua struttura innovativa rese infatti i critici perplessi quando apparve per la prima volta. Fin dall’inizio fu considerato controverso e ricevette recensioni contrastanti in quanto la sua raffigurazione della crudeltà fisica e mentale descritta era insolitamente forte. Cime tempestose ha ispirato molti adattamenti, compresi diversi film, sceneggiati radiofonici e televisivi, un musical diretto da Bernard J. Taylor, un balletto e tre opere liriche di Bernard Herrmann, Carlisle Floyd e Frédéric Chaslin. Per celebrare la memoria di Emily Brontë, riportiamo alcuni tra i passi più belli del romanzo che l’ha resa celebre, “Cime Tempestose”:

 .

Ho sognato nella mia vita, sogni che son rimasti sempre con me, e che hanno cambiato le mie idee; son passati attraverso il tempo e attraverso di me, come il vino attraverso l’acqua, ed hanno alterato il colore della mia mente.”

.

Gli ho dato il cuore e lui lo ha preso soltanto per stritolarlo a morte e scagliarmelo sulla faccia.. Gli esseri umani sentono con il cuore, Ellen, e poiché lui il mio lo ha distrutto, non posso più provare alcun sentimento nei suoi riguardi; né vorrei provarlo, nemmeno se lo vedessi gemente a patire da questo momento fino al giorno in cui morirà, e anche se versasse lacrime di sangue per Catherine!

.

Qui riesco quasi a concepire come un amore possa durare tutta una vita: mentre finora ero assolutamente convinto che nessun amore potesse resistere un anno.”

.

È duro perdonare, e guardare codesti occhi, e toccare codeste mani consunte. Baciami ancora; e non farmi vedere i tuoi occhi! Ti perdono per quello che mi hai fatto. Io amo la mia assassina; ma il tuo assassino, come potrei perdonarlo?

.

Ho condotto una ben dura esistenza, dal giorno che ho cessato di udir la tua voce. Ma tu devi perdonarmi: perché ho lottato solo per te.

.

Talvolta ci facciamo prendere dalla compassione per creature incapaci di provare sentimenti sia per se stessi che per altri.

.

E credi che la tua gentilezza mi ha indotto ad amarti più profondamente di quanto farei se meritassi il tuo amore: e sebbene non potrei e non posso fare a meno di mostrarti la mia natura, me ne rammarico e me ne pento; e me ne pentirò e rammaricherò fino alla morte.

.

Non gli dirò quanto lo amo, e non perché sia attraente, ma perché è per me più di quanto lo sia io stessa.

.

Io lo amo più di me stessa, Ellen; e lo so da questo: tutte le sere io prego di potergli sopravvivere, perché preferirei essere infelice io, piuttosto che saperlo infelice. È la prova che l’amo più di me stessa.

.

A che scopo esisterei, se fossi tutta contenuta in me stessa? I miei grandi dolori, in questo mondo, sono stati i dolori di Heathcliff, io li ho tutti indovinati e sentiti fin dal principio. Il mio gran pensiero, nella vita, è lui. Se tutto il resto perisse e lui restasse, io potrei continuare ad esistere; ma se tutto il resto durasse e lui fosse annientato, il mondo diverrebbe, per me, qualche cosa di immensamente estraneo: avrei l’impressione di non farne più parte. Il mio amore per Linton è come il fogliame dei boschi: il tempo lo trasformerà, ne sono sicura, come l’inverno trasforma le piante. Ma il mio amore per Heathcliff somiglia alle rocce nascoste ed immutabili; dà poca gioia apparente ma è necessario.”

.

E così egli non saprà mai quanto io lo ami; e ciò non perché sia bello, Nelly, ma perché lui è più me di me stessa. Di qualunque cosa siano fatte le anime, certo la sua e la mia sono simili: e quella di Linton è invece tanto differente dalla nostra quanto lo è la luna da un lampo, o il ghiaccio dal fuoco.”

 

Emily Brontë, le frasi più celebri del suo capolavoro ”Cime Tempestose” ultima modifica: 2018-07-30T09:05:42+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
ACQUISTA IL LIBRO "CIME TEMPESTOSE" DI EMILY BRONTE QUI
Tags
Commenti