Nuove uscite

10 libri da non perdere in uscita a settembre

Da Susanna Tamaro a Johnatan Foer, da Margaret Atwood a Domenico Quirico, ecco la nostra selezione dei libri da non perdere questo settembre
libri in uscita a settembre

L’estate è ormai finita, siamo ritornati alla vita quotidiana, ed è tempo di scegliere le letture autunnali. Per fortuna, tra le novità di questo mese ci sono libri davvero imperdibili e non avremo che l’imbarazzo della scelta. Ecco i nostri 10 preferiti tra i libri in uscita a settembre.

Leggi anche: Le mostre da non perdere questo settembre

Possiamo salvare il mondo prima di cena, Johnatan Foer

Nel suo nuovo libro, Jonathan Safran Foer mette in campo tutte le sue risorse di scrittore per raccontare, con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica che è anche «crisi della nostra capacità di credere », mescolando in modo originalissimo storie di famiglia, ricordi personali, episodi biblici, dati scientifici rigorosi e suggestioni futuristiche. Un libro che parte dalla volontà di «convincere degli sconosciuti a fare qualcosa» e termina con un messaggio rivolto ai figli, ai quali ciascun genitore – non solo a parole, ma con le proprie scelte – spera di riuscire a insegnare «la differenza tra correre verso la morte, correre per sfuggire alla morte e correre verso la vita».

Una domenica, Fabio Geda

una domenica fabio geda libri in uscita a settembre

Un incontro inaspettato trasforma una banale domenica di novembre nell’occasione per riflettere sulle imperfezioni dell’amore, sui rimpianti, sulla vita che resta. In equilibrio tra nostalgia e speranza, Fabio Geda racconta con voce unica, commovente, una giornata che racchiude un’intera esistenza.

I testamenti, Margaret Atwood

I testamenti di [Atwood, Margaret]

Tra i libri in uscita a settembre non può mancare I Testamenti di Margaret Atwood. Finalmente l’attesa di milioni di lettori appassionati de Il racconto dell’Ancella è terminata. La storia di Offred riprende quindici anni dopo, con gli esplosivi testamenti di tre narratrici di Gilead. L’ispirazione del romanzo, come ha dichiarato Margaret Atwood, sono le vicende dei giorni nostri.

Che cos’è la guerra, Domenico Quirico

Che cos'è la guerra: Il racconto di chi l’ha vissuta in prima persona di [Quirico, Domenico]

Le  primavere arabe, il dramma della Siria, lacerata da una guerra civile che ha lasciato sul campo una devastazione senza pari; la parabola di molti giovani alla deriva, radicalizzati dai cattivi maestri di un Islam che ha tradito la sua vocazione di pace. Alle storie altrui Quirico intreccia la propria, raccontando con cruda e poetica verità la traversata di ventidue ore su un barcone diretto a Lampedusa, fianco a fianco con i migranti, e rievocando i giorni disperati del suo rapimento in Siria e della prigionia. Che cos’è la guerra è la cronaca fedele e appassionata del nostro presente, un libro che parla alle nostre coscienze e ci costringe a non voltare lo sguardo. Perché se un cambiamento è ancora possibile, non può che nascere dall’impegno di tutti a conservare la nostra umanità.

Morgana, Michela Murgia e Chiara Tagliaferri

Il podcast di Michela Murgia e Chiara Tagliaferro diventa un libro, e le storie di Moana Pozzi, Santa Caterina, Grace Jones, le sorelle Brontë, Moira Orfei, Tonya Harding, Marina Abramovic, Shirley Temple, Vivienne Westwood, Zaha Hadid tornano a farci sentire la loro irriducibile presenza. Dieci donne controcorrente, strane, pericolose, esagerate, difficili da collocare. Nelle pagine di questo libro è nascosta silenziosamente una speranza: ogni volta che la società ridefinisce i termini della libertà femminile, arriva una Morgana a spostarli ancora e ancora, finché il confine e l’orizzonte non saranno diventati la stessa cosa.

Continuerò a sognarvi grandi, Davide Tamagnini

Continuerò a sognarvi grandi: Storia di una rivoluzione tra i banchi di scuola di [Tamagnini, Davide]

Davide Tamagnini è salito alla ribalta dell’opinione pubblica per il suo metodo didattico, che capovolge il modo tradizionale di esercitare l’insegnamento: abolire i voti, ma non la valutazione. La pagella si presenta con tre colori: verde, giallo e rosso. Ogni colore indica il margine di progresso raggiunto o il miglioramento raggiungibile in una certa area dell’apprendimento. «Per portare la parola ’felicità’ dentro le mura scolastiche dobbiamo demolire il paradigma che lega scuola e noia. Si tratta di sconvolgere pratiche e credenze sedimentate per ricostruire un percorso in cui ciascuno si senta protagonista dell’apprendimento».

Alzare lo sguardo, Susanna Tamaro

Un posto d’onore tra i libri in uscita a settembre è occupato dal nuovo libro di Susanna Tamaro. Il punto di partenza di questa appassionata lettera a un’insegnante sono le emergenze del tempo presente, ma la forza dell’appello di Susanna Tamaro va ben al di là, ponendo questioni fondamentali per ricomporre la nostra convivenza. Di quale sapere abbiamo bisogno per essere in grado di affrontare la vita? Come tornare a comunicare ai bambini l’amore per le domande e la passione per la ricerca delle risposte? Cosa stanno cercando di dirci i ragazzi che oggi scendono in piazza in difesa del futuro di tutti?

Potere alle parole, Vera Gheno

Anche se l’italiano non ha bisogno di venire salvato, né tantomeno preservato, è pur vero che dovremmo amarlo di piú, perché è uno strumento raffinatissimo, ed è un peccato limitarsi a una frequentazione solamente superficiale. Perché conoscerlo meglio può essere, prima di tutto, di grande giovamento a noi stessi: piú siamo competenti nel padroneggiare le parole, piú sarà completa e soddisfacente la nostra partecipazione alla società in cui viviamo. Vera Gheno si fa strada nel grande mistero della lingua italiana passando in rassegna le nostre abitudini linguistiche e mettendoci di fronte a situazioni in cui ognuno di noi può ritrovarsi facilmente. E ci aiuta a comprendere che la vera libertà di una persona passa dalla conquista delle parole.

Il coltello, Jo Nesbo

Harry Hole è di nuovo a terra. Ha ricominciato a bere, e da quando Rakel lo ha cacciato di casa abita in un buco a Sofies Gate, ospite di un collega. Nell’appartamento ci sono soltanto un divano letto e bottiglie di whisky sparse ovunque. Ma Harry non è mai abbastanza sobrio da curarsene. La maledetta domenica in cui si sveglia da una sbornia colossale, non ha il minimo ricordo di cosa sia successo la notte precedente. Quel che è certo, però, è che ha le mani e i vestiti coperti di sangue…

L’istituto, Stephen King

E, per finire la nostra classifica dei libri più belli in uscita a settembre, non può mancare il re del thriller, Stephen King. È notte fonda a Minneapolis, quando un misterioso gruppo di persone si introduce in casa di Luke Ellis, uccide i suoi genitori e lo porta via in un SUV nero. Bastano due minuti, sprofondati nel silenzio irreale di una tranquilla strada di periferia, per sconvolgere la vita di Luke, per sempre… Dopo “L’incendiaria” e “It”, King si mette di nuovo alla prova con una storia di ragazzini travolti dalle forze del male, in un romanzo che ha anche molto a che fare con i nostri tempi.

© Riproduzione Riservata