Personal-Mente

L’arte di ‘dribblare’ gli impegni dei nostri figli

Non so se è un’arte innata o se è acquisita con il tempo e facilitata da noi genitori. Non so, mi interrogo, se cambiando qualche piccola cosa nel mio modo di chiedere otterrei una risposta più positiva...

Non so se è un’arte innata o se è acquisita con il tempo e facilitata da noi genitori.

 

Non so, mi interrogo, se cambiando qualche piccola cosa nel mio modo di chiedere otterrei una risposta più positiva.

 

Fatto sta che alle richieste di:

– aiuto in casa

– giocare con/ dare un occhio alle sorelle

– accompagnarmi a fare commissioni /spesa

 

Lo sguardo del preadolescente interlocutore comincia a vagare e diventa vacuo, (probabilmente alla ricerca nella propria mente di una veloce risposta che lo tolga dalla scocciatura del momento), smette immediatamente le  attività inerti o ludiche fingendo un improvviso e impellente bisogno di dedicarsi allo studio, sottolineando la sua condizione di vittima di genitori che lo sfruttano chiedendo sempre a lui…

L’indolenza fa parte di questa età, ci è stato detto, o almeno voglio sperare che sia così…

 

Valentina Fanelli

 

7 maggio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti