Teatro

Giornata Mondiale del Teatro, ecco 10 buoni motivi per andarci

Il teatro è un luogo magico che trasmette emozioni uniche. Per celebrarlo vi vogliamo segnalare 10 buoni motivi per andarci
Giornata Mondiale del Teatro, ecco 10 buoni motivi per andarci

MILANO – Andare a teatro è sempre un’emozione unica. Che siano i teatri con palchetti dorati e tende rosse drappeggianti degni di castelli delle fiabe, o che siano teatri moderni, più grandi o meno grandi. Quello che conta, è quello che si instaura tra il palco e il pubblico, ossia un’emozione unica. Il teatro quindi è un luogo magico e spettacolare, ed è un arte degna di essere celebrata. Oggi quindi nella Giornata Mondiale del Teatro, che già dalla sua prima comparsa nel 1961 a Vienna ha fatto impazzire gli amanti di quest’arte e in generale della cultura, ecco a voi 10 buoni motivi per andarci (secondo Kevin Brown, ricercatore del Dipartimento di Teatro dell’Università del Missouri, Columbia).
LEGGI ANCHE: La storia del teatro, dalle origini a oggi

Esseri umani

La messa in scena a teatro è un fenomeno culturale universale che esiste in ogni società, in tutto il mondo. Se quindi il teatro fa parte della cultura di genti diverse, di paesi diversi, allora la comprensione di quest’arte ci aiuta a capire che cosa significa essere umani.

Auto-espressione

Il teatro ci insegna come esprimere noi stessi in modo più efficace. Sviluppa la nostra capacità di comunicare i nostri pensieri e i nostri sentimenti verso gli altri, aiutandoci così a migliorare le nostre relazioni interpersonali con il mondo che ci circonda.

Conoscenza di sé

Il teatro ci insegna qualcosa in più su noi stessi. Esso ha una funzione psicologica ed introspettiva, in quanto il contesto in cui si origina la messa in scena ci aiuta a capire e comprendere le dinamiche della nostra società.

La storia

Il teatro è un ottimo modo per approcciarsi a temi come la storia, la letteratura, che vengono reinterpretati in una chiave particolare, con un punto di vista talvolta nuovo e che quindi diventando un mezzo con cui insegnare e trasferire sotto forma di divertimento, concetti talvolta complessi che però fanno parte della cultura della nostra società. Il teatro insomma è un libro aperto, “scritto” con luci e costumi.

Il corpo

In quest’epoca costernata dal digitale, nonché dal suo spropositato uso, il teatro ci ricorda che la mondo esiste un’umanità, un’empatia che non sono virtuali. Ci ricorda che al centro della nostra vita ci sono le persone e non i robot o gli aggeggi tecnologici. Per questo il teatro è un mezzo che a differenza del cinema, ti fa sentire protagonista di qualcosa, un protagonista fisico, come se fossi sul palco e protagonista materiale della scena, della storia.

Auto-responsabilizzazione

Gli spettacoli teatrali rappresentato ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Capire come “gli spettacoli si svolgono intorno a noi” ci può aiutare a riconoscere e prendere il controllo delle dinamiche sociali che ci riguardano.

Cambiamento sociale

Il teatro è uno spazio culturale in cui la società si esamina come se si trovasse dinanzi ad uno specchio. Il teatro è stato a lungo visto come un laboratorio in cui siamo in grado di studiare i problemi che si pone la società per esaminarli, comprenderli ed infine risolverli.

Istruzione

Il teatro è un ottimo modo per imparare. È una sorta di scuola, una grande enciclopedia in cui storie di personaggi storici e letterari prendono vita. Vi immaginate di vedere il personaggio del vostro libro preferito in carne ed ossa? Stupendo!

La creatività

Il teatro ci aiuta a sviluppare la nostra creatività. Come il nostro sistema educativo pone sempre più l’accento sulla scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, non possiamo dimenticare l’importanza dell’arte. Ed il teatro è l’arte per eccellenza.

La globalizzazione

Il teatro ci aiuta a comprendere persone di culture diverse dalla nostra. Possiamo imparare molto sulle di culture di tutto il mondo apprendendo le loro tradizioni e le loro abitudini. In tal modo, possiamo imparare ad essere meno etnocentrici ed accettare di più gli altri.

LEGGI ANCHE: 5 opere teatrali d’amore

© Riproduzione Riservata