Sei qui: Home » Intrattenimento » “Imagine” di John Lennon è la poesia della fratellanza
In ricordo di John Lennon

“Imagine” di John Lennon è la poesia della fratellanza

In un mondo di divisioni e in piena crisi dei valori, il bisogno di una canzone come "Imagine" di John Lennon diventa sempre più forte

In un mondo lacerato, in un mondo che si ostina a fare la guerra, in un mondo in crisi economica e sociale, in un mondo che sempre più spesso fa paura e toglie aria ai nostri sogni, abbiamo bisogno di tornare a immaginare un mondo diverso, un diverso modo di vivere e di rapportarci gli uni con gli altri. A ricordarci quanto sia fondamentale tornare a immaginare e ad essere consapevoli che l’attuale stato delle cose non sia l’unico possibile ci pensa John Lennon, che quando ha inciso “Imagine” non ha inciso una canzone, ma quella che forse è la più nota poesia al mondo.

Un mondo senza divisioni

Immagina non ci sia il Paradiso, prova, è facile – canta l’autore – Nessun inferno sotto i piedi, sopra di noi solo il cielo“. Immagina che non ci siano divisioni, ci dice Lennon, con una semplicità che mette i brividi. Immagina che non ci siano più divisioni tra inferno e paradiso, tra ricchi e poveri, tra una religione e l’altra. Immagina, ci dice, un mondo unito, “Immagina non ci siano paesi, non è difficile. Niente per cui uccidere e morire e nessuna religione“. Immaginiamo tutto questo e ci renderemo conto che sono le divisioni a portare la guerra, l’odio e la violenza. Un messaggio importante, quello del cantante britannico. Chissà cosa direbbe della Brexit.

LEGGI ANCHE: La lettera d’amore di John Lennon a Yoko Ono

Un inno alla condivisione

Immagina un mondo senza possessi, mi chiedo se ci riesci, senza necessità di avidità o fame – canta Lennon – La fratellanza tra gli uomini, immagina tutta le gente condividere il mondo intero“. Quello che ci spinge a immaginare è un mondo possibile, in cui le persone non si calpestano i piedi ma si aiutano a vicenda, un mondo in cui ciò che importa è la condivisione, un mondo che pensa più a costruire ponti che a edificare mura. Il fatto è che, come dice a un certo punto, siamo in tanti a pensarla in questa maniera ma spesso temiamo di essere soli. “Puoi dire che sono un sognatore ma non sono il solo“. Lo è chiunque condivida questi pensieri di pace e amore.

LEGGI ANCHE: Educare i bambini alla musica aiuta il loro sviluppo cognitivo

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

La parola “Empatia”. Scopriamo il suo significato profondo

Liliana Segre, “Sono stata respinta, ma ho sempre scelto la vita”

Successivo

Un commento su ““Imagine” di John Lennon è la poesia della fratellanza”

  1. Mah! Diciamo che attualmente è il manifesto della globalizzazione.
    Si vuol vendere un incubo come il vero paradiso, e altro non è che il solito schifoso inferno senza speranza. Fa comodo a chi ha già tutto e non vuole rischiare.
    Qualcun altro, più o meno in quegli stessi tempi, cantò Contessa, dove invece del nirvana si prende sopra di se il doloroso compito di cambiarlo il mondo e non di goderselo come viene, proprio perché non a tutti viene. Ma si dice: beh, così si fa l’elogio della guerra, e viene il terrorismo, e allora è meglio rinunciare a qualsiasi aspirazione ideale per avere il sommo bene che è la pace.
    E allora sia, teniamoci pure questa pace senza ideali, ma che si tratti di un bell’esito, e addirittura auspicabile mi pare veramente una conclusione miserabile.
    Una canzone da fricchettone, come si sarebbe detto allora.

    Rispondi

Lascia un commento