Sei qui: Home » Frasi » “La verità è sempre quella, la cattiveria degli uomini…” di Alda Merini
La citazione del giorno

“La verità è sempre quella, la cattiveria degli uomini…” di Alda Merini

Pensavamo di averlo in qualche modo sconfitto e, invece, l'odio è sempre lì, nascosto dietro una porta socchiusa. Ce lo ricorda Alda Merini

Negli ultimi mesi, in preda a un’emergenza mondiale, pensavamo di aver riscoperto il senso profondo della solidarietà fra uomini, stati e nazioni. Ma è bastato davvero poco affinché questa illusione cadesse all’improvviso per ritrovarci nuovamente travolti da un’ondata di forte odio, come dimostrano le proteste e tensioni a Gerusalemme, complice l’allontanamento di diverse famiglie palestinesi dalle loro case nel quartiere est della città. Per questo ci affidiamo alle parole di una grande poetessa, Alda Merini, che in questi versi si sofferma proprio sul sentimento dell’odio e sul suo movimento quasi invisibile “dietro la porta socchiusa”. 

La verità è sempre quella, la cattiveria degli uomini che ti abbassa e ti costruisce un santuario di odio dietro la porta socchiusa.

Alda Merini e il desiderio di essere libere

Alda Merini è una poetessa, una donna che non si può descrivere con poche parole. La sua poetica è così vasta, profonda, intima, tanto che ha saputo raccontare dell’amore, dell’essere donna, degli uomini, della sua città, della pazzia. Da sempre anticonvenzionale, lontana dal voler essere imprigionata da etichette e da qualsiasi status sociale, Alda Merini si è prefissata di essere libera. Forse è questo il dono più bello che le poesie ci hanno lasciato: il desiderio di libertà.

Con la frase “la verità è sempre quella, la cattiveria degli uomini che ti abbassa e ti costruisce un santuario di odio dietro la porta socchiusa”, la poetessa dei navigli vuole soffermarsi sul fatto che la cattiveria e l’odio creano barriere difficili da superare, ostacoli insormontabili che, come nel caso degli scontri tra israeliani e palestinesi di questi giorni, non fanno altro che tornare ad alimentare un sentimento di odio che purtroppo da secoli caratterizza il territorio che si trova al confine tra le città meridionali di Israele e la Striscia di Gaza. Un odio che, purtroppo, nemmeno un’emergenza mondiale come la pandemia ha saputo mettere in secondo piano.

abbraccio poesia merini

“Tra le tue braccia” (Merini) la poesia che svela l’importanza dell’abbraccio

La poesia “Tra le tue braccia” di Alda Merini rivela il valore simbolico dell’abbraccio, un gesto a cui molto spesso stiamo rinunciando in questo periodo

Una vita segnata dal dolore

Alda Merini (1931 – 2009) è stata una poetessa e scrittrice italiana, una delle autrici più tormentate del panorama nazionale degli ultimi cento anni e oltre. La Merini esordì giovanissima, a soli 15 anni, sotto la guida di Giacinto Spagnoletti che scoprì il suo talento artistico. Nel 1947 fu internata per la prima volta in una clinica, dopo l’incontro con “le prime ombre della sua mente”. Da lì in avanti la sua lunga vita fu caratterizzata da ricoveri in case di cura, da periodi di solitudine e di silenzio. Nonostante le difficoltà psichiche, la Merini è riuscita a lasciare ai posteri un’intensa e ricchissima produzione. Non solo versi, ma anche aforismi e libri in prosa.

© Riproduzione Riservata