Sei qui: Home » Frasi » “L’autostima non si costruisce con feste e bei vestiti, ma nei momenti difficili della vita” di Paolo Crepet
frase del giorno

“L’autostima non si costruisce con feste e bei vestiti, ma nei momenti difficili della vita” di Paolo Crepet

La frase del giorno con cui vi invitiamo a riflettere in questo inizio giornata è di Paolo Crepet, psichiatra, scrittore e sociologo italiano, tratto dal suo libro "Sull'amore".

La frase del giorno con cui vi invitiamo a riflettere in questo inizio giornata è di Paolo Crepet, psichiatra, scrittore e sociologo italiano. L’aforisma è tratto dal suo libro “Sull’amore“.

L’autostima non si costruisce con feste e bei vestiti, ma nei momenti difficili della vita.

Credere in se stessi oggi

Abbiamo tutti passato momenti difficili nella nostra vita. Si è soliti pensare che i momenti di difficoltà mettano alla prova le nostre sicurezze, le nostre certezze e le nostre forze. Tuttavia, secondo Paolo Crepet questo non è vero, anzi: è proprio nei momenti di difficoltà che possiamo davvero trovare tutte le nostre risorse, scoprire quell’istinto di sopravvivenza che tante volte, a noi italiani, nella storia ci ha consentito di uscire dai guai. Ed è proprio dal riuscire a farcela che si costruisce la nostra personalità, è in qual momento che scopriamo le nostre potenzialità. Ed è proprio in quel momento che, inevitabilmente, accresce la nostra autostima.

Paolo Crepet, "E' più intelligente prevedere invece di osservare"

Paolo Crepet, “E’ più intelligente prevedere invece di osservare”

Paolo Crepet è tornato, con il libro “Oltre la tempesta”, a parlarci del futuro delle nostre relazioni post Covid. Lo abbiamo intervistato in esclusiva.

Nei momenti di serenità possiamo sentirci spensierati, sicuri di noi stessi e delle nostre certezze, ma sulla base di cosa possiamo definirci tali? In che modo mettiamo alla prova, “con feste e bei vestiti” per dirla alla Crepet, la nostra autostima? Ecco perché sono i momenti difficili a poterci dare davvero i giusti segnali capaci di accrescere la nostra autostima.

Sull’amore

Nello stile semplice e narrativo che lo ha reso familiare a tanti lettori, nel tono rigoroso e sommesso del grande saggista, Paolo Crepet affronta in questo libro quello che è forse il vero tabù del nostro tempo. E ci porta per mano a scoprire che nel mondo dominato dall’ossessione dell’efficienza e della prestazione, la vera possibilità di cambiamento coincide proprio con il coraggio dei sentimenti. Perché si fa presto a dire «amare». Ma quante sono le persone che possono dire di essere innamorate sul serio? E quante quelle capaci di andare oltre l’innamoramento, fino all’amore?

Potrebbe interessarti anche:
Paolo Crepet, “E’ più intelligente prevedere invece di osservare”
Paolo Crepet, "E' più intelligente prevedere invece di osservare"

Paolo Crepet è tornato, con il libro "Oltre la tempesta", a parlarci del futuro delle nostre relazioni post Covid. Lo abbiamo intervistato in esclusiva.

Coronavirus, Paolo Crepet, “La paura fa parte di noi, l’adattamento anche”
Coronavirus, Paolo Crepet, "La paura fa parte di noi, l’adattamento anche"

Oggi, in un’intervista a QN, lo psichiatra Paolo Crepet ha parlato del sentimento della paura, riemersa negli ultimi tempi a causa della pandemia Covid-19

“Senza cultura non c’è libertà, non c’è scelta…” di Paolo Crepet
"Senza cultura non c’è libertà, non c’è scelta..." di Paolo Crepet

Estratta dal libro “La gioia di educare”, Paolo Crepet con questa frase affronta il tema della cultura e della libertà, punti cardine su cui improntare l’educazione

“Solitudini” di Paolo Crepet, una lettura che ti lascia un senso di speranza
"Solitudini" di Paolo Crepet, una lettura che ti lascia un senso di speranza

Paolo Crepet, psichiatra e sociologo, pubblica "Solitudini" nel 1997 presso Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano

Premio Campiello, domani a Padova la selezione della cinquina finalista
29052013112345 sm 4183

A partire dalle 10.30 nell’Aula Magna di Palazzo del Bo verranno scelti i cinque scrittori finalisti della 51^ edizione del prestigioso premio letterario promosso da Confindustria Veneto MILANO – Entra nel vivo la 51^ edizione del Premio Campiello. Venerdì 31 maggio 2013 dalle ore 10.30 nell’Aula Magna G. Galilei del Leggi articolo

Premio Campiello 51a edizione, sarà lo psichiatra Paolo Crepet a presiedere la giuria dei letterati
20122012102742 sm 3219

Rinnovata la composizione della Giuria, entrano a farne parte Anna Ottani Cavina, storica dell’arte, professore emerito dell’Università di Bologna e direttore della  Fondazione Federico Zeri, e Luigi Matt, docente di Storia della Lingua italiana presso l’Università di Sassari   MILANO – Il Presidente della Giuria dei Letterati della 51ª edizione Leggi articolo

© Riproduzione Riservata