Arriva ”LibriAMOci”, la biblioteca itinerante ”Made in Sud”

Promuovere e testare un format più ampio dal punto di vista temporale, metterlo in rete e concederlo a tutte le associazioni culturali che lo vorranno riproporre nei loro territori di competenza. Nasce così “LibriAMOci”...

La biblioteca dispone di oltre 400 testi di vario genere e contempla momenti di interazione con la struttura che la ospita costituiti dai seguenti laboratori. A presentarci le caratteristiche del progetto uno dei responsabili, Francesco Marano

 

MILANO – Promuovere e testare un format più ampio dal punto di vista temporale, metterlo in rete e concederlo a tutte le associazioni culturali che lo vorranno riproporre nei loro territori di competenza. Nasce così “LibriAMOci”, progetto indipendente di biblioteca itinerante, destinata a tutti coloro che, per motivi diversi, hanno difficoltà ad usufruire di un servizio bibliotecario nella propria città. Il progetto è stato ideato da “Latitudine Sud”, associazione dedicata alla promozione turistico-culturale con sede a Castrolibero (Cosenza).

 

DONARE PER SCARDINARE GLI STEREOTIPI DEL SUD – La biblioteca, che ha sede presso l’associazione stessa, dispone di oltre 400 testi di vario genere e contempla momenti di interazione con la struttura che la ospita costituiti dai seguenti laboratori. A presentarci le caratteristiche del progetto Francesco Marano, uno dei responsabili del progetto insieme a Rosarita Berardi (dipendente presso la biblioteca di Faenza) e Simona Rizzuto (curatrice dei contatti con scrittori ed editori). “Fin dal primo momento della nascita del progetto “Latitudine Sud” quello che ci ha contraddistinto è stata la voglia di fare, ma soprattutto quella di donare. Donare le nostre esperienze, storie, emozioni, per cercare di scardinare quegli stereotipi che continuano ad offuscare il nostro Sud. Il blog è quindi un’idea di partecipazione, in senso molto profondo, alla vita sociale del nostro paese. Le carenze in questo senso sono drammatiche e lasciatemelo dire, offendono profondamente comunità e territori. Noi abbiamo, però una visione diversa, crediamo nella partecipazione, nel “made in Latitudine Sud”.

 

BIBLIOTECHE DOVE NON CI SONO – Proprio da questi principi nasce il “LibriAMOci: “Respirare Cultura per Sentirsi Liberi”. “Con la biblioteca itinerante abbiamo voluto afforzare questo concetto, dargli una connotazione reale, pratica. Tecnicamente, “LibriAMOci” nasce dalla volontà di offrire una biblioteca nei luoghi dove non esiste e da cui è difficile raggiungerla. L’idea è di costruire un percorso che tocca mensilmente quelle località prescelte e deputate al servizio”. Il progetto quindi è ampio, non solo limitato alla tipologia classica di biblioteca, ma luogo, soprattutto, di interazione reale con i soggetti che ne usufruiscono. “Ogni mese ci sarà un tema nuovo, che farà da filo conduttore a tutte le attività di contorno al servizio stesso”.

 

SCUOLE E TURISMO – Particolare importanza avrà soprattutto il coinvolgimento delle scuole e delle persone disabili con iniziative a loro dedicate, con uno sguardo all’aspetto turistico. “Il periodo è stato scelto anche in questa funzione – afferma Francesco Marano – fornire un servizio culturale ai non residenti. La prima tappa a partire dal 1° luglio sarà a Morigerati (Salerno), per proseguire ad agosto a Castelfilano (Crotone), ed a settembre, con tutta probabilità, a Sciacca”.

 

10 giugno 2015
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

                                                           

© Riproduzione Riservata