Il mondo dei Peanuts in mostra a Milano

Per festeggiare il 65esimo anniversario della nascita dei Peanuts, inaugura oggi una mostra davvero unica dedicata al gruppo di bambini più amato della Storia del Fumetto “Il fantastico mondo dei Peanuts”
Il mondo dei Peanuts in mostra a Milan
Il mondo dei Peanuts in mostra a Milano. Inaugura "Il fantastico mondo dei Peanuts", per festeggiare il 65esimo anniversario dei personaggi più amati del fumetto.

MILANO – L’impacciato Charlie Brown, la scorbutica Lucy, il tenero Linus, l’intraprendente Piperita Patty, il solitario Schroeder e naturalmente l’insuperabile Snoopy, più tutti gli altri membri della compagnia, svelano ai visitatori i segreti del loro successo grazie all’esposizione di tavole originali del grande Charles Schulz, pannelli biografici, divertenti photoset, statue, installazioni multimediali, video, volumi, riviste, quotidiani d’epoca, gadget, giochi, documenti, comic books, manifesti cinematografici che raccontano un successo lungo sessantacinque anni. Nella mostra, in esposizione da oggi al 10 gennaio 2016 al Museo del Fumetto Wow di Milano,  il visitatore potrà leggere più di 500 strisce, rivedere le scene più belle dei cartoni animati, scattarsi divertenti fotografie in compagnia del suo personaggio preferito e scoprire nuovi contenuti del film “Snoopy & Friends”!

L’ESPOSIZIONE – La mostra, intitolata “Il fantastico mondo dei Peanuts” dedica a questo incredibile fenomeno di editoria e costume un doppio percorso tematico e cronologico che illustra al visitatore come le storie dei Peanuts si sono evolute nei contenuti grazie a preziosi documenti, a cominciare da alcune rarissime tavole originali disegnate da Schulz provenienti da importanti collezioni private fino ai quotidiani americani su cui venivano pubblicate le strisce e i primi comic book americani. Grazie ai pezzi unici provenienti dall’archivio della Fondazione Fossati si potranno inoltre ammirare i volumi pubblicati in Italia, i numeri più importanti del mensile Linus, che già nella testata porta evidente l’influenza dei nostri eroi e che ne ha ininterrottamente pubblicato le strisce per molti anni, fino ai View-master che negli anni Settanta permettevano di vedere le strisce “animate” e a colori, così come testi monografici, saggi, libri e articoli.

LEGGI ANCHE: Charles M. Schulz, ecco gli aforismi più famosi dell’inventore di Snoopy e dei Peanuts

ITINERARIO TEMATICO – La mostra segue anche un itinerario tematico dedicato all’approfondimento dei grandi “temi” dei Peanuts: l’imperdibile partita a baseball, i concerti beethoveniani di Schroeder, le sedute psicanalitiche di Lucy, le chiacchierate filosofiche sul muretto, gli sfottò a Charlie Brown, le serate passate ad arrostire le “toffolette” (ossia i marshmallow) sul fuoco, la copertina di Linus, gli amori difficili (Lucy che non riesce a conquistare il biondo Schroeder oppure l’inconfessata sbandata di Charlie per la bella ragazzina dai capelli rossi) e tantissimi altri, in centinaia di strisce che si potranno leggere in mostra per immergersi nell’atmosfera giusta, introdotte da speciali didascalie firmate da importanti esperti di ogni settore.

(VEDI LA GALLERY DELLA MOSTRA)

INSTALLAZIONI MULTIMEDIALI E INTERATTIVE – I complessi rapporti che legano tra loro i vari personaggi, saranno approfonditi grazie a un’installazione multimediale che permette al visitatore di abbinare i vari protagonisti scoprendo in tempo reale, con l’ausilio di schede e strisce, il loro rapporto. A ogni personaggio principale sarà dedicata poi un’area espositiva aperta da una statua 3D realizzata da BIC Licensing con pubblicazioni e strisce che ne raccontano la personalità e lo sviluppo grafico nel corso degli anni.

SNOOPY – Una sezione a parte è invece dedicata a Snoopy, il simpatico e intraprendente bracchetto che con il suo universo immaginifico ha conquistato generazioni di lettori diventando, insieme a Charlie Brown, vero e proprio testimonial della serie: ecco quindi svelati i segreti della sua cuccia rossa (al cui interno trova posto un tavolo da biliardo o e un Van Gogh), raccontati i retroscena del suo interminabile romanzo scritto a macchina e soprattutto rievocate le mitologiche battaglie aeree all’inseguimento del maledetto barone Rosso che tanto tormenta i suoi voli di fantasia.

© Riproduzione Riservata