Arrivano i Booktrack, i libri che si leggono con la musica di sottofondo

Conosciamo meglio la startup con sede in Nuova Zelanda che punta a cambiare il modo di leggere il volume digitale
Arrivano i Booktrack, i libri che si leggono con la musica di sottofondo
Conosciamo meglio la startup con sede in Nuova Zelanda che punta a cambiare il modo di leggere il volume digitale

MILANO – Forse è difficile immaginare un lettore che, completamente catturato da un libro nel silenzio della sua camera o nell’atmosfera calda del salotto di casa, decida di mettere un sottofondo musicale per allietare il contesto. Non si tratta di una novità, ma solitamente la maggior parte delle persone preferiscono leggere il proprio romanzo in religioso silenzio. Con l’e-book è diverso, ci spostiamo dalla carta al digitale. Modi diversi di avvicinarsi al mondo della letteratura, situazioni nelle quali la novità può diventare un pregio. E’ questa l’idea di Booktrack, la startup con sede in Nuova Zelanda che punta a cambiare il modo di leggere il volume digitale. Come riporta il portale gmanetwork.com, la musica, i suoni della natura e le colonne sonore dei film legate alla lettura diventano un compagno di viaggio, per immergersi nella magia delle trame più avvincenti dei nostri giorni.

COS’È BOOKTRACK? – Gli sviluppatori definiscono Booktrack come una “forza dirompente nel mondo dell’audio e dell’editoria”, sicuri della su valenza: “Siamo l’unico miglioramento fornito dalla letteratura negli ultimi anni – dice Paul Cameron, CEO e co-fondatore di Booktrack -. Quello che facciamo è aggiungere una modalità, per ampliare le emozioni delle lettura e mantenerle più a lungo”. I lettori possono utilizzare Booktrack dal computer o scaricare il software sul proprio smartphone o tablet. Attualmente i primi tre libri nel Regno Unito legati a Booktrack sono le storie di Sherlock Holmes, Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen e In the South di Salman Rushdie.

 

 

UN SERVIZIO A FAVORE DEI PENDOLARI – E’ stato il mercato dei pendolari che ha spinto i fondatori della startup a realizzare Bootrack dopo aver notato che, per annegare le proprie distrazioni, le persone indossavano abitualmente le cuffie durante la lettura: “E’ stata la gente che saliva sugli autobus, suoi treni o sui traghetti a dare il via a questa idea – conclude Cameron – . Così abbiamo pensato che avremmo potuto legare queste due esperienze insieme e quando l’abbiamo fatto alla gente è piaciuto molto “. Un progetto vincente, sostenuto anche da Michael Tamblyn, CEO di e-reader Kobo: “Lottiamo continuamente contro le distrazioni che abbiamo nella vita moderna – afferma Tamblyn -. Dobbiamo cercare di ritagliarci del tempo per leggere in tutto questo. La gente sta cercando di creare delle esperienze coinvolgenti come questa, per allontanare le distrazioni. Booktrack è la possibilità di creare un diverso tipo di esperienza nella lettura, per arricchire questa pratica e renderla più coinvolgente”.

© Riproduzione Riservata