Biografie

Accadde oggi – 13 giugno. Ricordiamo due grandi poeti, William Butler Yeats e Fernando Pessoa

11062015091313_sm_12402

Si ricordano oggi gli anniversari di nascita dello scrittore e poeta portoghese Fernando Pessoa e del drammaturgo, poeta e scrittore irlandese William Butler Yeats……

Si ricordano oggi gli anniversari di nascita dello scrittore e poeta portoghese Fernando Pessoa e del drammaturgo, poeta e scrittore irlandese William Butler Yeats
 
MILANO – Nasceva il 13 giugno del 1888 a Lisbona Fernando Pessoa, considerato tra i più grandi poeti e scrittori portoghesi, noto al grande pubblico per aver scritto ”Il libro dell’inquietudine di Bernardo Soares”. Si ricorda oggi anche il poeta, drammaturgo e scrittore irlandese William Butler Yeats, nato il 13 giugno 1865.

FERNANDO PESSOA, UNO E MOLTI
 – Uno e molti è Fernando António Nogueira Pessoa. Questi consacrò la sua vita alla scrittura e alla creazione poetica, che fa tutt’uno in lui con la creazione di nuove identità, ciascuna con un proprio stile e un proprio nome. Pessoa firma infatti le sue opere con vari eteronimi, ognuno dei quali corrisponde a una differente personalità e persegue una propria attività artistica. Pessoa inizia a usare il primo eteronimo da bambino, dopo la morte del padre avvenuta quando lui aveva cinque anni. Lui stesso ricorda in una lettera del 13 gennaio 1935 ad Adolfo Casais Monteiro “un certo Chevalier de Pas di quando avevo sei anni, attraverso il quale scrivevo lettere a me stesso, e la cui figura, non del tutto vaga, ancora colpisce quella parte del mio affetto che confina con la nostalgia”.
UNA VITA TRA SUDAFRICA E PORTOGALLO – Nel 1895 la madre di Pessoa si risposa con João Miguel Rosa, console del Portogallo a Durban (Sudafrica), e lui si traferisce lì insieme alla sua famiglia. Qui si svolge gran parte della sua vita, e qui compie i suoi studi in inglese, lingua con la quale manterrà sempre un rapporto elettivo: la userà per il lavoro, in qualità di corrispondente commerciale a Lisbona, per le sue poesie e per le traduzioni di opere dall’inglese, tra cui quelle di Edgar Allan Poe. Oltre all’autore americano, studia approfonditamente grandi personalità della letteratura inglese, quali Shakespeare, John Milton, Lord Byron, John Keats, Percy Shelley, Alfred Tennyson. Nel 1899 Nell’estate del 1901 torna a Lisbona per le vacanze, fermandosi anche dopo il ritorno della famiglia in Sudafrica. In questo periodo scrive le sue prime poesie e tenta di scrivere anche dei romanzi in inglese. Tornato in Sudafrica si iscriva alla Commercial School, dove studia di notte: durante il giorno si dedica alle materie umanistiche. Dopo aver concluso al sua formazione, ottenendo l’“Intermediate Examination in Arts” all’università, nel 1905 rientra definitivamente a Lisbona. Qui diventa corrispondente estero, lavoro che svolgerà per tutta la vita, dedicandosi contemporaneamente alla scrittura. Il 29 novembre 1935 viene ricoverato in ospedale per cirrosi epatica, dovuta all’abuso di alcool di tutta un’esistenza, e qui muore il 30 novembre. Le ultime parole lasciate scritte, in inglese, sono: “I know not what tomorrow will bring” (“Non so cosa porterà il domani”). L’ultima frase da lui pronunciata fu invece “De-me os meus óculos!” (“Datemi i miei occhiali”) – era infatti molto miope.
GLI ETERONIMI E L’OPERA – L’aspetto più originale della produzione artistica dello scrittore viene rinvenuto nella creazione degli eteronimi, tra cui i più famosi sono Álvaro de Campos, Ricardo Reis, Alberto Caeiro e Bernardo Soares, considerato però, quest’ultimo, un semi-eteronimo per via dell’assonanza tra Soares e Pessoa. Alcune opere sono firmate con il nome reale, cui però l’autore affianca “Ortonimo”. Pessoa Ortonimo non si può però far coincidere con il “vero” Pessoa: questi, se di un “vero” Pessoa si può parlare, è una personalità sfuggente e complessa, che comprende in sé tutta la ricchezza interiore dei vari eteronimi. La critica ritiene piuttosto che si tratti di quel che resta del poeta una volta tolte le altre sue identità, e cioè quella parte di lui dedita alla ricerca spirituale. Con questo nome infatti Pessoa firma opere dedicate quasi esclusivamente all’esoterismo, uno dei grandi interessi del poeta. Álvaro de Campos è l’unico ad attraversare fasi differenti nella sua poetica. Dapprima simbolista, abbraccia presto il futurismo per poi virare, in seguito a una serie di disillusioni, verso una visione nichilista, che trova espressione nel poema “Tabacaria”, in lingua portoghese.  Ricardo Reis è latinista e monarchico, e incarna con la sua produzione artistica una poeticaa classica ispirata dall’ideale dell’armonia. Alberto Caeiro è noto come poeta-filosofo, anche se lui dichiara di detestare la metafisica: la realtà secondo lui non si può conoscere, è altrove, nessun pensiero o linguaggio è adatta a rappresentarla. I “Poemas Completos de Alberto Caeiro” raccolgono tutta la sua opera. Ogni personaggio ha anche una propria biografia. Álvaro de Campos nasce il 15 ottobre 1890 e muore con Pessoa il 30 novembre del 1935. Di Ricardo Reis non si conosce invece la data di morte – il premio Nobel José Saramago ne racconta la fine nel libro, “L’anno della morte di Ricardo Reis”. Alberto Caeiro invece viene concepito da Pessoa come già morto, il maestro scomparso di tutti gli altri eteronimi. Infine Bernardo Soares – di cui il poeta dice “sono io senza il raziocinio e l’affettività” – è l’autore di uno dei libri più famosi del XX secolo, “Il libro dell’inquietudine”. 
 

WILLIAM BUTLER YEATS – William Butler Yeats  nacque a Dublino il 13 giugno 1865. Poeta, drammaturgo e scrittore irlandese, fu anche senatore dello Stato Libero d’Irlanda negli anni venti. Quando William ha due anni, per permettere al padre John di proseguire la sua carriera di artista, la famiglia si sposta da Sandymount, nella contea di Dublino, alla contea di Sligo e poi a Londra. I figli di Yeats vengono educati in casa e la madre, nostalgica di Sligo, gli racconta le storie e le fiabe della loro contea di origine. Nel 1877, a Londra, William entra nella Scuola Godolphin che frequenta per quattro anni. È qui che nasce il suo nazionalismo. Continua la sua educazione alla Erasmus Smith High School a Dublino. L’atelier di suo padre non è tanto distante e William vi passa molto tempo frequentando diversi artisti e scrittori della città. Durante questo periodo comincia a scrivere poemi. Nel 1885 le sue prime poesie ed il saggio ‘Sir Samuel Ferguson’ vengono pubblicati sulla rivista Dublin University Review. Dal 1884 al 1886 frequenta la Scuola Metropolitana d’Arte. In questo periodo la poesia di Yeats è impregnata di miti e folclore irlandese. Percy Bysshe Shelley esercita su di lui una grande influenza e continuerà a farlo per tutta la vita. Nel 1889, Yeats incontra Maud Gonne, una giovane ereditiera che aveva iniziato a consacrarsi al movimento nazionalista irlandese. Maud Gonne apprezza particolarmente i suoi poemi ‘The Isle of Statues’. Yeats concepisce un’infatuazione ossessiva per Maud. Due anni più tardi le propone di convivere ma lei rifiuta. In tutto le propone tre volte di stare insieme: nel 1899, 1900 e 1901, ricevendo sempre un rifiuto. Invece Gonne sposa il nazionalista cattolico John MacBride nel 1903. Quello stesso anno Yeats soggiorna in America per un giro di conferenze e incontra Olivia Shakespeare con cui ha una relazione, durata un anno, seguita da un’amicizia duratura. Nell’ottobre del 1917, dopo un ennesimo rifiuto di Maud (e della figlia di lei Iseult), Yeats sposa la giovane Georgie Hyde-Lees. Nel 1896 Yeats viene presentato a Lady Augusta Gregory dal loro amico comune Edward Martyn. Lady Gregory ospita Yeats nella tenuta di Coole Park presso Galway, incoraggia il suo nazionalismo e lo persuade a continuare a scrivere opere teatrali. Anche se influenzato dal simbolismo francese, Yeats si concentra su testi di ispirazione irlandese. Questa tendenza è rafforzata dall’emergere di una nuova generazione di autori irlandesi. Con Lady Gregory, Martyn ed altri scrittori tra cui J. M. Synge, Seán O’Casey, e Padraic Colum, Yeats fonda il movimento letterario Irish Literary Revival o Celtic Revival. Questo gruppo acquista una proprietà a Dublino dove il 27 dicembre 1904 apre l’Abbey Theatre. Nella serata inaugurale vanno in scena i drammi Cathleen Ni Houlihan di Yeats e Spreading the News di Lady Gregory. Yeats si occupa di teatro fino alla sua morte sia come membro del comitato direttivo, sia come drammaturgo. Yeats oscilla a lungo tra la Londra decadente del XIX secolo e l’Irlanda in piena ebollizione indipendentista. Le sue prime poesie si caratterizzano per l’uso marcato di simboli ripresi da diverse tradizioni: irlandese, kabalistica, cattolica, grecoromana. In seguito si focalizza sulla realtà storica e personale.Yeats stringe rapporti di amicizia con molti letterati e artisti. È conosciuto e stimato da Oscar Wilde, John Millington Synge, James Joyce, Thomas Stearns Eliot e Virginia Woolf. Per alcuni anni, intorno al 1913, Ezra Pound gli fa da segretario. Nel 1931 accoglie a Dublino il filosofo italiano Mario Manlio Rossi, che dedicò il libro Viaggio in Irlanda (1932) a questa sua prima visita dell’isola. Nel 1923 riceve il Premio Nobel per la letteratura. Il comitato Nobel descrive la sua opera come ‘poesia sempre ispirata, la cui forma altamente artistica esprime lo spirito di una intera nazione’.

  
13 giugno 2015
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Accadde oggi – 13 giugno. Ricordiamo due grandi poeti, William Butler Yeats e Fernando Pessoa ultima modifica: 2015-06-13T09:50:00+00:00 da

© Riproduzione Riservata
Tags