Lettera di Tamara Monti al figlio – #AMioFiglio

Lettera di Tamara Monti al figlio

E a pochi giorni dalla tua annuale partenza per il campo scuola mi ritrovo qui a scriverti, è tanto che non lo faccio ma, come ti ripeto sempre, i ricordi te li porti dietro per tutta la vita e un giorno ti ritroverai a rileggere tutte le lettere che ti ha scritto la tua mamma scapestrata e, ci scommetto, ti ritroverai con un bel sorriso stampato sul volto al ricordo di quanto di bello abbiamo condiviso in questi primi tuoi dieci anni di vita, al ricordo di tutti i momenti in cui ci siamo divertiti, dal suonare i campanelli al RIcantare le canzoni famose in romanesco a squarciagola, in auto, magari durante uno dei nostri week-end alla ricerca dell'”avventura”.

Inevitabilmente, alla soglia del tuo passaggio dalle scuole elementari alle medie, penso che a breve spiegherai le ali, comincerai ad affacciarti pian piano alla vita in solitario, senza la tua mamma al seguito e, vuoi sapere una cosa? non sono affatto preoccupata… io vedo un piccolo uomo davanti a me, un piccolo uomo sempre pronto a combattere contro le ingiustizie del mondo, un giovane sensibile che si emoziona, con me e come me, per le piccole grandi cose che la natura ci regala ogni giorno, un arcobaleno che piu’ di una volta abbiamo provato ad inseguire alla ricerca della pentola d’oro, un tramonto sul mare o un cielo stellato.

Vedo un ragazzo pieno di voglia di vivere, di entusiasmo e dotato di una simpatia disarmante, di una saggezza che difficilmente si riscontra alla tua età, un ragazzo umile e comprensivo. Ripenso al neonato che urlava e diventava paonazzo se tardavo un minuto a dargli il latte; al bambino che a sei anni ha subito un duro colpo a causa della separazione dei propri genitori, ripenso a quanto sono stata male e mi sono sentita in colpa per questo… ora ti guardo e mi dico che, tutto sommato, le mie preoccupazioni erano infondate… forse sei cresciuto piu’ in fretta degli altri ma oggi ti ascolto mentre parli con fiducia del futuro, mentre mi dici che tratterai la tua ragazza come una principessa e allora mi rassicuro e si, lo ammetto, mi prendo anche una parte di merito per ciò che sei diventato.

Spesso, nei tuoi atteggiamenti, vedo me, vedo me nel tuo combattere contro le ingiustizie, nel tuo schierarti e appoggiare chi, secondo te, ha ragione. Vedo me nella tua spensieratezza, nel tuo modo di divertirti, nel tuo modo di parlare. Ma vedo soprattutto te… chi sei… indipendentemente dall’influenza che posso aver avuto su di te… io ti vedo e so che non dovrò preoccuparmi per il tuo futuro perchè, anche se il mondo la’ fuori è cattivo, tu lo vivrai a modo tuo e nonostante le delusioni, nonostante tutto ciò che di brutto la vita potrà riservarti, tu continuerai a vivere con la consapevolezza che in realtà, nonostante le brutture, ogni giorno la vita ci regala momenti di felicità…. basta sapere dove guardare… e tu lo sai perchè t’ho svelato il segreto!

Quando arriverà il momento spiega le ali e vola in alto Ale… io non ti guarderò da sotto… io sarò su ad aspettarti… nel frattempo continuo ad insegnarti come si vola… poi il viaggio sarà solo tuo!

Tamara Monti

© Riproduzione Riservata
Commenti