Lettera di Rosa Maria al figlio – #AMioFiglio

Lettera di Rosa Maria al figlio

Lettera a mio figlio Marco

C’è stato un periodo in cui ho temuto di non riuscire a sorreggerti. Indossare i pantaloni non mi bastava. Non sai quanto avrei voluto vestire i panni di uomo. Ti guardavo crescere circondato da donne e notavo il tuo bisogno di trovare uno spazio, una tua dimensione. Ogni tanto abbandonavi le macchine e ti mettevi a imboccare le bambole. Una volta ne chiedesti una in regalo, perché le riceveva sempre solo tua sorella.

I giocattoli non hanno un’identità di genere, la cucina si addice alle bambine e poi finisce per essere gestita da uno chef…ma per alcuni era inconsueto…ed io mi sentivo terribilmente inadeguata. Che modello potevo darti? Tua sorella mia avrebbe vista intenta a depilarmi le gambe, ma tu non mi avresti mai potuta osservare intenta a farmi la barba. Più crescevi e più cresceva in te il bisogno di relazionarti con delle figure maschili…qualche volta ti ho portato anche a pesca, con l’aiuto di qualche amico che si prestava a fare da ” amo” e mi permetteva di regalarti la tua giornata da uomo.

Quante critiche: una madre sola che porta i figli in mezzo agli uomini. Ma io ingoiavo il rospo e lasciavo correre. Pian piano le mie paure sono svanite.. finite in una cesta tra pistole, palloni, macchinine, pentole e bambole. Forse il miglior insegnamento che ho potuto darti è stato che si può fare tutto senza dover essere necessariamente uomo o donna. Probabilmente domani sarai un ottimo marito e un ottimo padre. E probabilmente io sarò una buona suocera.

Il bello della nostra piccola famiglia è che siamo sempre il contrario di ciò che il mondo si aspetta. Sappi che sono proprio i contrari che permettono al mondo di rimanere in equilibrio, perché se oscillasse da una sola parte, il suo peso finirebbe per schiacciare coloro che ne fanno parte, invece noi, diametralmente opposti, sosteniamo il peso di chi non è uguale a noi.. perché la diversità è ricchezza. Ricordalo sempre.

Ti amo di bene.

 

Rosa Maria

© Riproduzione Riservata
Commenti