Lettera di Amalia Moscataro alle figlie – #AMioFiglio

Lettera di Amalia Moscataro alle figlie

Ciao tesori miei, amori miei

…Jovanotti canta “a te che sei sostanza dei giorni miei” Carmela e Maria le mie principesse …non potete mai immaginare quello che siete per me …siete tutto …la mia vita non è stata facile da piccola …la mia infanzia cosi cosi…addolescenza non vissuta …ho lavorato fin da quando avevo 13 anni.

Oggi che sono mamma e so cosa significa essere figlia soprattutto incompresa …mai ascoltata …oggi con voi cerco di essere quello che i miei genitori non hanno dato a me…non si tratta di materia …ma solo di tanto amore …che a volte voi mi dite che vi soffoca …ma non vorrei mai un giorno sapere da qualcuno o da voi che la mamma non mi ha ascoltato non mi ha chiesto …non mi ha protetta.

Voi mi chiamate “Mamma Fhùrer”…eh già …ma le regole ci devono essere …èperchè se almeno una volta non mi avete “odiato” per i tanti no …forse non avrò fatto bene il mio lavoro di mamma.

Oggi siete due bellissime ragazze una di quasi 18 e una 15enne …orgogliosa di voi …di quello che siete diventate. Tutti i giorni della mia vita ogni istante penso a quando vi ho messe al mondo a quanto la vita è corta …perchè ebbene si ho paura …ho paura del tempo che passa del tempo che non torna più …di quanto vi ho dato e di quanto non ho potuto darvi amori miei.

Ogni giorno della mia vita ringrazio Dio al miracolo che mi ha concesso …quello di essere la vostra mamma …e sappiate che qualunque strada percorriate …qualunque sia il vostro destino o futuro …ci sono stata …ci sono e ci sarò anche se avrò 100 anni e non mi renderò conto di quella che sono …so che l’unica cosa che durerà nel tempo e oltre ogni cosa oltre ma proprio oltre che io sarò per sempre la vostra mamma.

Vi amo amori miei

La vostra mamma Fhùrer Amalia

© Riproduzione Riservata
Commenti