Lettera alla propria mamma di Alfredo Calore

Lettera alla propria mamma di Alfredo Calore

Mamma ti scrivo,

tu non puoi leggermi ma io scrivo cose che sai.

Là dove sei…

la verità ha la sorgente.

Mamma sai del mio bene,

dammi in sogno una musica che ti ricorda, il tuo profumo, il tuo occhio sincero

(interessato per il figlio), la tua voce che mi chiama.

Ti chiedo madre ancora amore per la mia la tua famiglia

certamente tu sai che non credo alla morte.

Ciao.

W. L.

© Riproduzione Riservata
Commenti