Beni culturali

Il Louvre clonerà le statue di Michelangelo

Il Louvre clonerà Michelangelo

“Gli Schiavi” di Michelangelo verranno duplicati, su decisione del Louvre, per poter diventare merchandising ma soprattutto per prestiti più sicuri …

MILANO – Il Louvre di Parigi ha deciso di clonare “Gli Schiavi” di Michelangelo – il “Morente” e il “Ribelle” – per rendere più sicuri i trasporti durante i prestiti e per trasformare le due opere in gadget per il merchandising.

 

Gli Schiavi sotto ai riflettori

Da qualche giorno al Louvre le due statue di Michelangelo sono sotto ai riflettori degli scienziati della Riunione dei musei  nazionali (RMN)  per coglierne ogni curva e linea. L’obiettivo è quello di clonare i due Schiavi fino all’ultimo dettaglio per favorire i prestiti tra i  musei di tutto il mondo e per trasformare i due marmi in oggetti di merchandising da vendere ai turisti. Stessa sorte per il codice di Hammurabi che già da settembre volerà al museo di Baghdad.

Una procedura complessa

Per raggiungere l’obiettivo, i ricercatori stanno utilizzando strumenti  ad alta precisione  in grado di riprodurre fedelmente ogni sfaccettatura delle statue. Tra questi si trova l’Artec, simile a un ferro da stiro,  che è in grado di rilevare immagini ad altissima definizione e di raccogliere una  grande quantità di scatti, che trattati da specifici software,  permetteranno  la stampa in 3D delle opere.

Il Louvre clonerà le statue di Michelangelo ultima modifica: 2018-07-20T09:23:54+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti