National Gallery of Victoria

Melbourne, “Una nuova visione” la prima retrospettiva dedicata a Degas

La mostra rivela che Degas non era solo un maestro della pittura, ma anche del disegno, dell'incisione, della scultura e della fotografia

MILANO – Un evento straordinario: Edgar Degas ospite d’eccezione alla National Gallery of Victoria. Degas: una nuova visione  mostra al pubblico 200 opere dell’artista francese. Una grande retrospettiva per la prima volta a Melbourne. La mostra rivela che Degas non era solo un maestro della pittura, ma anche del disegno, dell’incisione, della scultura e della fotografia.

 

LA MOSTRA – Edgar Degas è uno dei più celebri artisti associati all’impressionismo francese. Ha abbracciato pittura, disegno, incisione, monotipi, scultura e fotografia, e ha avuto un enorme impatto sull’arte moderna e contemporanea. La vita moderna ha fornito a Degas un repertorio di motivi con cui esplorare con variazione infinita gli scenari della sua epoca. Questa mostra riunisce più di 200 opere di Degas da decine di collezioni di tutto il mondo, offrendo una rivalutazione fresca e dinamica del genio.

.

LE OPERE – Le opere coprono 50 anni di Degas, considerato come uno degli artisti che definiscono il XIX e XX secolo, secondo il direttore della NGV Tony Ellwood: “Considerato uno degli artisti più celebri e significativi del mondo, la sua influenza sull’arte moderna e contemporanea è innegabile,” dice. “Essa fornirà al pubblico una rara esperienza di come essere veramente immersi nella creatività e nell’originalità della sua arte, dando ai visitatori una comprensione più profonda e più ricca della sua brillantezza”. Degas non solo era conosciuto per le sue famose scene di balletto, ma anche per i suoi ritratti, per i nudi, per i cavalli da corsa, per il mondo sociale della vita notturna, le donne di Parigi e il tempo libero.

 

 

Copertina: Edgar Degas: La prova, 1874. Olio su tela. 58,4 X 83,8. Burrell Collection, Glasgow. Regalo da Sir William e Lady Burrell alla città di Glasgow, 1944. © CSG CIC Musei Glasgow Collection

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti