Sei qui: Home » Arte » Futurismo, il manifesto dell’avanguardia che ha rivoluzionato l’arte
l'avanguardia

Futurismo, il manifesto dell’avanguardia che ha rivoluzionato l’arte

Storia del movimento italiano che ha cambiato le regole convenzionali nel mondo culturale del XX secolo promuovendo la modernità.

È esattamente il 20 Febbraio del 1909 quando sul giornale francese Le Figaro compare il Manifesto Futurista pubblicato da Filippo Tommaso Marinetti. Quella che presenta è un’idea tutta nuova, che va contro le tradizionali regole artistiche. L’intenzione è quella di portare l’arte fuori dalle accademie e dentro la modernità.

La storia e i protagonisti

La corrente artistica del futurismo nasce sì in Italia, ma sarà poi accolta anche nel resto d’Europa. La sua storia si può dividere in due fasi: la prima fase, che si conclude con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, è interamente concentrata nella città di Milano. La seconda fase invece, nata dopo la fine del conflitto, si sposta verso Roma e prendendo sfumature più politiche. Il più importante rappresentante del Movimento fu Umberto Boccioni seguito da Giacomo Balla, Gino Severini, Fortunato Depero e Carlo Carrà. La morte di Boccioni nel 1912 segna la netta divisione tra le due fasi. I protagonisti del futurismo rinnegano in un certo senso il passato artistico e credono fortemente nel frenetico, dinamico e moderno presente.

04112014120846 sm 9604
FOTOGRAFIA - Le foto più toccanti della grande Guerra

Prima Guerra Mondiale, le 10 fotografie che raccontano il grande conflitto

Il manifesto e i nuovi principi

L’ideale espresso nel Manifesto si realizza con diverse forme e in diversi ambiti. La pittura e la scultura non sono le sole protagoniste di questa rivoluzione, anche la letteratura è coinvolta, dove Marinetti presenta le “parole in libertà” cioè parole lasciate sul foglio senza un legame sintattico-grammaticale. Anche la fotografia trasforma il suo modo di comunicare, il regista Anton Giulio Bragaglia crea la tecnica del “fotodinamismo futurista”. Il futurismo accoglie tutto ciò che è moderno, dinamico, veloce e industriale. Questa nuova corrente è violenta, sia per il distacco che impone nei confronti delle convenzioni passate, sia per i temi rappresentati cioè macchine, manifestazioni e risse. C’è anche un forte senso di patriottismo e di esaltazione della guerra, che poi porterà, nella seconda fase, alla nascita di un forte legame con la nuova ideologia fascista.

© Riproduzione Riservata