André Breton, il padre del Surrealismo

Ricordiamo oggi André Breton, l'artista considerato il padre del Surreaismo, teorico del movimento di cui favorì la stesura dei manifesti e curando riviste, mostre e incontri
André Breton, il padre del Surrealismo

MILANO – Oggi ricordiamo l’anniversario della scomparsa del poeta, saggista e critico d’arte André Breton, considerato il padre del Surrealismo. L’artista teorico del  movimento ne favorì la stesura dei manifesti e curando riviste, mostre e incontri.

Tra arte e politica

André Breton nasce il 19 febbraio del 1896 a Tinchebray (Francia), figlio unico di Louis e Marguerite. Fu allievo del filosofo André Cresson mentre politicamente si mostra coinvolto dall’anarchismo, André Breton nel 1913 si iscrive all’università alla facoltà di Medicina e continua a scrivere poesie e per questo decide di sottoporle all’attenzione di Paul Valéry, per averne un giudizio. Chiamato al servizio militare nel 1915, Breton scrive la pièce “Décembre”, che spedisce ad Apollinaire; l’anno seguente compone – mentre è di stanza come infermiere militare a Nantes – “Age”, il suo primo poema in prosa fortemente influenzato da Rimbaud. In questo periodo egli ipotizza anche di dedicarsi alla psichiatria.

Gli anni difficili

Breton, il cui nome è inserito dell’elenco dei comunisti, decide di andare in esilio. Rifugiatosi nel sud della Francia a Martigues dall’amico Pierre Mabille, si sposta poi a Marsiglia e a bordo di una nave si reca in Martinica, dove incontra Aimé Césaire. Da lì si trasferisce a New York, dove viene aiutato anche da Peggy Guggenheim, che contribuisce al suo mantenimento economico. In seguito, conosce Elisa Claro, che sposa: dopo un viaggio tra Canada, Haiti e Santo Domingo, i due tornano in Francia. A Parigi, però, André Breton non si sente più a proprio agio, anche per i numerosi mutamenti che hanno interessato l’ambito intellettuale. André Breton muore il 28 settembre del 1966 a Parigi, dove era stato portato dopo essere stato colpito da una crisi respiratoria mentre si trovava a Saint-Cirq-Lapopie in vacanza.

 

 

© Riproduzione Riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here