in viaggio

5 mostre per il week-end

Gli eventi più importanti per questo fine-settimana d’arte in cinque città differenti per soddisfare tutti i gusti
5 mostre per il week-end

MILANO- Un fine-settimana d’arte attende tutti gli appassionati. Abbiamo selezionato le mostre più promettenti in Italia per chi vuole dedicare questi giorni di riposo all’arte. Per voi cinque mostre in cinque città diverse.

MACCHIAIOLI – Ultimi giorni per visitare la mostra “I Macchiaioli. Una rivoluzione d’arte al Caffè Michelangelo” in corso alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia fino a domenica 31 gennaio. Un’occasione unica per ammirare oltre settanta splendide opere dei Macchiaioli e scoprire la storia del movimento artistico che rivoluzionò la pittura italiana dell’Ottocento. Nel percorso di mostra verranno sottolineati anche i numerosi punti di contatto con la realtà artistica europea, in particolare quella francese, e con quella del resto della penisola, in quel periodo in fase di unificazione. Tra il ricordo di uno scherzo goliardico e l’emozione della scoperta di un’opera di Degas, tra l’esperienza a Barbizon e un pomeriggio a Montemurlo, si dipana un racconto che farà rivivere un ventennio d’oro dell’arte italiana.

MALEVIC – Dato il successo della mostra i curatori hanno deciso di prolungare l’esposizione dedicata all’artista dalle molteplici sfaccettature. Dopo un esordio simbolista e neoimpressionista, Malevič ha abbracciato lo sviluppo del Cubofuturismo, movimento che sintetizzava le conquiste del Cubismo francese di Braque e Picasso e del Futurismo italiano di Balla e Boccioni. La GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo – prolunga la retrospettiva completa che indaga tutto il suo iter artistico fino al 24 gennaio 2016. Nell’ultimo weekend orari di visita prolungati, il venerdì e sabato, fino alla mezzanotte.

DAGLI IMPRESSIONISTI A PICASSO Fino al 10 aprile 2016 il Palazzo Ducale di Genova ospita la grande mostra “Dagli Impressionisti a Picasso. I Capolavori del Detroit Institute of Arts”, che raccoglie capolavori dall’Ottocento fino ad arrivare al Novecento più recente. Una selezione di 52 capolavori dei più grandi pittori del ‘900 nel loro periodo di massima espressione artistica. La mostra consente di ripercorrere la storia dell’arte europea a cavallo tra Otto e Novecento, dall’Impressionismo a Van Gogh e Cézanne, dall’Ecole de Paris alle avanguardie storiche, dalle spinte verso l’astrattismo di Kandinsky sino alla eccezionale parabola artistica di Picasso.

 TOULOUSE-LAUTREC – A Roma, al Museo Ara Pacis, i capolavori imperdibili di Henri de Toulouse-Lautrec. In mostra una selezione di opere conservate al Museo di Belle Arti di Budapest. Dal 4 dicembre 2015 fino all’8 maggio 2016 i lavori dell’artista francese rimarranno nella capitale. L’esposizione sul pittore bohémien della Parigi di fine Ottocento ripercorre la vita dell’artista dal 1891 al 1900, poco prima della sua morte avvenuta a soli 36 anni. La rassegna consentirà di portare a Roma il fiore della raccolta di opere di Toulouse-Lautrec conservata in Ungheriaseo di Belle Arti di Budapest, uno dei più importanti in Europa. Manifesti, illustrazioni, copertine di spartiti e locandine per un full immersion nella Parigi della Belle Époque. 

L’ALTRO OTTOCENTO – Fino alla fine di febbraio l’esposizione “L’Altro Ottocento. Dipinti della collezione d’arte della Città Metropolitana di Napoli“ uno spaccato differente sulla Napoli ottocentesca. In mostra 69 dipinti inediti che furono realizzati dalla seconda metà dell’Ottocento ai primi trent’anni del Novecento dai maggiori artisti dell’epoca, tra i quali figurano Edgardo Curcio, Giuseppe De Sanctis, Vincenzo Migliaro, Alceste Campriani, Francesco Saverio Altumura.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti