La citazione del giorno

“Il vero amore consiste nell’amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare” di Paolo Borsellino

La frase del giorno è tratta dall'ultima intervista a Paolo Borsellino, avvenuta pochi giorni prima dell'attentato di via D'Amelio, uscita su L'Espresso in versione integrale due anni dopo la morte, nel 1994
citazione-paolo-borsellino

La citazione con cui vi proponiamo di iniziare la giornata è “Palermo non mi piaceva, per questo ho imparato ad amarla. Perché il vero amore consiste nell’amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare” di Paolo Borsellino, che oggi avrebbe compiuto 80 anni.

La colonna sonora di oggi è “Cuore” di Jovanotti

Un uomo, un magistrato, un eroe

Ci sono eventi che proprio non si riescono a dimenticare, ed è un bene, perché la forza della memoria serve proprio a non lasciare andare mai via delle emozioni che ci hanno cambiato la vita. Sfido chiunque, compresi mafiosi o persone in odore di mafia, a non riconoscere che dal giorno dell’attentato a Paolo Borsellino il nostro Paese non è stato più lo stesso. Per alcuni questo cambiamento sarà stato in meglio: la scomparsa dell’ultimo capo del pool antimafia di Palermo è stato l’inizio di una presa di consapevolezza, l’emozione di appartenere ad una storia, ad una collettività di persone che credono nella giustizia e nella lotta a un “potere” che pensa di poter agire come stato alternativo allo stato di diritto, iniziata con la marcia di 10 mila cittadini inferociti che urlano “fuori la mafia dallo stato” mentre le bare degli Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina,Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Claudio Traina, gli agenti uccisi insieme al magistrato, stanno uscendo dalla Cattedrale di Palermo.

 

La frase di oggi

Il vero amore, di cui parla Borsellino, l’amore per qualcosa che non accettiamo e che non ci piace legato all’intento di poterlo cambiare è un inno al coraggio, alla partecipazione attiva verso un miglioramento di se stessi e della società in cui si vive, è il racconto di un percorso accidentato che permette di riconoscere ciò che non funziona e che sarebbe il caso di cancellare. La Sicilia è sempre stata il centro dei pensieri e delle azioni del magistrato; è stata la terra amata e odiata, da salvare; è stata la cartina di tornasole che ha svelato rapporti e infiltrazioni che raccontano di un’Italia violenta e corrotta e di un’organizzazione tentacolare che ha tenuto sotto scacco politici e istituzioni.

L’ultimo saluto 

Il 19 luglio 1992, pochi mesi dopo la perdita dell’amico e collega Falcone nella strage di Capaci, Paolo Borsellino è inquieto. Dopo il bagno, torna alla sua villa sul mare, a Villagrazia di Carini, per riposarsi un pò ma non riesce. Fuma a letto una sigaretta dopo l’altra, poi si infila dei jeans e una polo, prende la sua agenda rossa e il pacchetto di Dunhill, da cui non si separava mai e va a salutare gli amici di sempre, che vivono nella villa di fianco. Bacia e abbraccia tutti, con uno slancio che non era solito avere e si congeda, spiegando che andrà a prendere la madre per accompagnarla ad una visita medica. La Croma blindata parte sgommando alla volta di Palermo, mentre la seconda scorta fa da apripista. Alle 16:58 una 126, imbottita con 100 kg di tritolo, esplode in via D’Amelio, davanti all’ingresso del palazzo in cui abita la madre. Si salverà solo Antonio Vullo, l’agente di scorta che non aveva avuto il tempo di scendere dall’auto blindata.

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti