La citazione del giorno

“Le parole che dicono la verità hanno una vibrazione diversa da tutte le altre” di Camilleri

Erano le 8.20 del 17 luglio 2019, quando Andrea Camilleri ci lasciava, lasciando dietro di sé un vuoto incolmabile
citazione-camilleri-1

Erano le 8.20 del 17 luglio 2019, quando Andrea Camilleri ci lasciava, dopo mesi di malattia. Dietro di lui, si è spalancato un vuoto incolmabile e oggi, data della sua nascita, lo ricordiamo con una delle sue frasi più belle e memorabili. Una frase per riflettere sul valore e lo straordinario potere delle parole. 

Andrea Camilleri, lo scrittore più amato dei nostri tempi

Papà del Commissario Montalbano, Andrea Camilleri è stato fra gli scrittori più amati del nostro tempo. Con il suo stile colto e la sua arguzia ha saputo farci innamorare della sua scrittura, del suo linguaggio  e delle storie che raccontava. Nato nel 1925, a Porto Empedocle, non è stato soltanto uno scrittore, ma anche un drammaturgo, un autore teatrale e televisivo, un regista radiofonico. Ma anche un militante antifascista armato da sempre del potere salvifico della parola. Malgrado fosse afflitto da cecità e da gravi condizioni fisiche negli ultimi anni, Camilleri non si abbandonò mai al dolore. Dove non riuscivano ad arrivare i suoi occhi, c’erano le sue parole, sempre giuste, calibrate, perfette lì dove si trovavano. 

Il commissario Montalbano

La sua eredità resta il commissario Salvo Moltalbano, quel personaggio che gli ha donato la fama prima con i romanzi scritti a partire dal 1994, poi con la saga interpretata da Luca Zingaretti. Nel 2006 ha consegnato a Sellerio il finale della saga di Montalbano, chiedendo che venisse pubblicato soltanto dopo la sua morte. Negli ultimi anni aveva insegnato regia all’Accademia nazionale d’arte drammatica. 

L’ultimo saluto di Camilleri

“Mi piacerebbe che ci rincontrassimo, tutti quanti qui, in una sera come questa, tra cento anni”. È la frase con cui Andrea Camilleri aveva concluso l’acclamato spettacolo “Conversazione su Tiresia”. È proprio con queste parole che la famiglia e i cari decisero un anno fa di ingraziare e salutare “tutti i suoi lettori e tutti i suoi amici per avergli voluto così bene”.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti