Frasi dello scrittore

Carlos Ruiz Zafón, le frasi più belle dello scrittore catalano

Carlos Ruiz Zafón è stato uno degli scrittori più amati, capaci di regalare ai suoi lettori indimenticabili storie. Ecco i suoi aforismi più belli
Carlos Ruiz Zafón, le frasi più belle dello scrittore catalano

Carlos Ruiz Zafón è morto all’età di 55 anni.  Lo scrittore originario di Barcellona aveva scritto bellissimi e travolgenti romanzi come “L’ombra del vento” (2002), “Il gioco dell’angelo” (2008), “Marina” (1999), “Il labirinto degli spiriti” (2016). Le sue storie affrontano varie tematiche come la vita, la morte e l’amore, regalandoci storie che difficilmente ci toglieremo dalla mente o scorderemo. Le ambientazioni tra il misterioso, il thriller e il romantico ci danno l’idea di una Barcellona diversa dal solito, ricca di segreti e di ombre.

Ecco le frasi e gli aforismi più belli di Carlos Ruiz Zafón

 

“Parlare è da stupidi, tacere è da codardi, ascoltare è da saggi.”

 

“Nel momento in cui ti soffermi a pensare se ami o meno una persona, hai già la risposta.”

 

“Dimmi di cosa ti vanti e ti dirò di cosa sei privo.”

“Il mondo non verrà distrutto da una bomba atomica, come dicono i giornali, ma da una risata, da un eccesso di banalità che trasformerà la realtà in una barzelletta di pessimo gusto.”

 

“Prima o poi, l’oceano del tempo ci restituisce i ricordi che vi seppelliamo.”

 

“A volte è più facile confidarsi con un estraneo. Chissà perché? Forse perché un estraneo ci vede come siamo realmente, e non come vogliamo far credere di essere.”

 

“Gli esseri umani sono disposti a credere a qualunque cosa tranne che alla verità.”

 

“La televisione è l’Anticristo. Nel giro di tre o quattro generazioni la gente non sarà più nemmeno in grado di scoreggiare da sola e l’essere umano regredirà all’età della pietra, alla barbarie medievale, a uno stadio che la lumaca aveva già superato all’epoca del pleistocene.”

 

“Sai qual è il bello dei cuori infranti?” domandò la bibliotecaria. Scossi la testa. “Che possono rompersi davvero soltanto una volta. Il resto sono graffi”.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti