Critichiamo

Su Libero, l’analisi dello stato dell’editoria italiana, salvata dalla narrativa per ragazzi

26092013110703_sm_5145

Dalle pagine di Libero, Simone Paliaga fornisce un quadro molto esaustivo della situazione dell’editoria italiana, il cui motore trainante pare essere proprio la narrativa per ragazzi… …

La narrativa per ragazzi è diventato l’unico motore trainante di un settore altrimenti in profonda crisi. La motivazione è che, sino ai dodici anni, l’indice di lettura sfiora il 61%

LA CRITICA QUOTIDIANA – Dalle pagine di Libero, Simone Paliaga fornisce un quadro molto esaustivo della situazione dell’editoria italiana, il cui motore trainante pare essere proprio la narrativa per ragazzi.

EDITORIA PER RAGAZZI IN CONTROTENDENZA – I personaggi davvero in grado di far muovere un segmento di mercato fortemente in crisi non sono i protagonisti di romanzi impegnati, bensì la simpatica famiglia Stilton, Peppa Pig e l’intramontabile Pimpa. L’editoria per ragazzi pare essere totalmente in controtendenza rispetto al trend generale. Secondo le ultime statistiche proposte dall’Associazione Italiana Editori, l’editoria per ragazzi ha registrato un incremento del 4%, contro il meno 4% dell’editoria generale.

I RAGAZZI VERI AMANTI DELLA LETTURA – La motivazione che porta a questo grande squilibrio è semplicemente una: i ragazzi leggono molto di più rispetto agli adulti. E’ stato osservato infatti come, grazie ad un ottimo lavoro svolto da famiglie e scuola, l’indice di lettura sfiori il 61% nella fascia di età dagli 0 ai 12 anni. Da questo punto in poi, complici altri interessi, il tasso comincia la sua parabola discendente, che arriva nel punto più basso negli ultra settantacinquenni, in cui l’indice si attesta ad un misero 23%.

GLI EDITORI PER RAGAZZI DI SUCCESSO – La collana che fa da padrone è senza dubbio quella de “Il Battello a vapore” di Piemme. Questa si aggiudica da sola quasi il 18% del mercato. Piemme, insieme agli altri primi sei editori, costituisce oltre il 50% del totale dell’editoria. Negli ultimi tre anni si stima che il settore si sia assestato intorno ad un valore di 200 milioni di euro, con oltre 200 editori all’attivo.

I PERSONAGGI PIU’ AMATI NELLE DIVERSE FASCE D’ETA’ – I titoli che piacciono di più ai bambini si dividono per segmenti e fasce d’età: dagli 0 ai 3 anni, il personaggio preferito è la Pimpa. Nella fascia successiva, quella che  va dai 3 ai 5 anni, a farla da padrone è la nuovissima ma già amatissima Peppa Pig. In questa fascia vengono molto apprezzate anche le letture classiche, una su tutte “Favole al telefono” di Gianni Rodari. Dai 7 anni le preferenze dei bambini si orientano su Tea e Geronimo Stilton, mentre comincia a suscitare interesse il maghetto Harry Potter. Tra i 9 e 10 anni Geronimo Stilton diventa leader incontrastato. Per i ragazzini dai 10 ai 12 anni piacciono molto i fantasy made in Italy di Licia Troisi e i romanzi d’avventura. Non va tuttavia trascurato il canale parallelo a quello dell’editoria: parliamo dell’edicola, in cui vengono distribuiti testi le cui protagoniste sono le amatissime fate Winx.

26 settembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Su Libero, l’analisi dello stato dell’editoria italiana, salvata dalla narrativa per ragazzi ultima modifica: 2013-09-26T00:00:00+00:00 da

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti