Ragazzi

Grandi cambiamenti per l’esame di terza media

Esame terza media

Il Ministro dell’Istruzione ha introdotto grandi novità per i ragazzi che dovranno affrontare l’esame di terza media. Ecco cosa cambierà…

MILANO –Addio al tema, più attenzione al percorso dello studente. Queste alcune delle scelte del Ministro dell’Istruzione che da giugno ha modificato le prove dell’esame di terza media. A breve verranno introdotte nuove modifiche anche per quanto riguarda le prove di maturità. A seguire questo cambiamento è Luca Serianni, noto linguista italiano.

Le novità

Al via da giugno grandi novità per quanto riguarda la prova di terza media. Innanzitutto viene eliminato il tema. A sostituirlo sono previste tre diverse prove: un testo argomentativo, uno descrittivo e una comprensione di un brano. La scelta della tipologia di prova da assegnare sarà a discapito della commissione. Secondo la ministra Fedeli queste novità permetteranno agli insegnanti di valutare in maniera più accurata la preparazione linguistica degli alunni. A cambiare non è soltanto la prova di italiano: tolta l’insufficienza in condotta che, invece, sarà valutata tramite un giudizio sintetico. Resta comunque aperta la possibilità di non ammissione alla classe successiva per i rischiami disciplinari. La prova invalsi verrà anticipata ad aprile e non farà più parte dell’esame finale. La partecipazione ne consentirà l’accesso, ma il risultato non inciderà sulla valutazione finale. Per poter essere ammessi agli esami, gli studenti dovranno aver seguito almeno tre quarti dell’orario annuale, altrimenti sarà la commissione a decidere se ammettere o meno lo studente alla prova.

Grandi cambiamenti per l’esame di terza media ultima modifica: 2018-01-17T11:24:31+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
  • A cosa pensi? Io alla pizza

    Allora,inizio col dire che sono uno studente di terza media e quindi dovrò fare l’esame. Per me, per quanto riguarda la rimozione del tema, possono anche andare a fare in c**o. Mi dispiace dirlo, ma qui in Italia non funziona proprio niente. Cioè, l’unica parte degli scritti che potesse conferire una possibilità di espressione da parte degli alunni è stata TOLTA?!?!
    Questa è la mia opinione, se qualcuno avesse da dire in contrario lo faccia, io sarò disposto ad ascoltare

Mostra più commenti