News

Terremoto tra Lazio e Marche, sale a 290 il numero dei morti

Terremoto tra Lazio e Marche, almeno 14 morti, oltre 100 dispersi

Tre le scosse più forti. Una di magnitudo 6 è stata registrata alle 3:36 . Amatrice, Arquata e Pescara del Tronto i paesi più colpiti e distrutti…

MILANO – Notte di paura e dolore nel Centro Italia. Un violento terremoto ha colpito il cuore dello Stivale: il bilancio al momento è di 290 morti accertati, di cui 53 tra Amatrice e Accumoli, e 20 sul territorio di Arquata, nella regione Marche. Molte persone segnalate ancora sotto le macerie.

Tre le scosse più forti. Una di magnitudo 6 è stata registrata alle 3:36. L’epicentro a 2 chilometri da Accumoli (Rieti) e 10 da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) ed Amatrice (Rieti). L’ipocentro è stato a soli 4 km di profondità.  Seconda e terza scossa sono state registrate alle 4:32 e 4:33. Hanno avuto epicentro in prossimità di Norcia (Perugia), Castelsantangelo sul Nera (Macerata) e Arquata del Tronto (Ascoli Piceno). Gli ipocentri sono stati tra gli 8 e i 9 km. Oltre 50 finora (alle 6:40) le repliche di magnitudo superiore a 2, cinque delle quali di magnitudo 4 o superiore.

Gravissimi danni in seguito al terremoto ad Amatrice, dove il corso principale è devastato. All’inizio della via è in corso un’operazione per salvare sei persone che sono sotto un cumulo di macerie alto almeno dieci metri. “E’ un dramma. Metà paese non c’è più – ha detto il sindaco – le strade di accesso sono bloccate”. L’ospedale di Amatrice è inagibile. Feriti e barelle vengono curati anche in strada davanti all’ospedale. Le ambulanze stanno trasferendo i feriti a Rieti, mentre i pazienti del nosocomio vengono trasferiti in altri ospedali. All’arrivo alle porte di Amatrice, provenendo dall’Aquila sulla strada 260 Picente, il Ponte chiamato ‘A tre occhi’ sopra il torrente Castellano è pericolante, si è affossato dopo il crollo di un muro sottostante. Si passa in questo punto solo a piedi o in moto. Fino a un chilometro e mezzo da Amatrice sulla 260 Picente la strada è transitabile. Alla vista non ci sono frane o edifici crollati sulla strada. Già a 15 km da Amatrice nelle frazioni di Montereale (L’Aquila) la gente è in strada. A 10km sono visibili sugli edifici crepe e cadute di intonaco.

Situazione molto grave anche ad Accumoli dove c’è almeno una vittima, e una famiglia di quattro persone – due bambini piccoli e i loro genitori – è sotto le macerie e non da segni di vita. Lo ha detto a RaiNews24 il sindaco di Accumoli, Stefano Petrucci. Un terremoto “paragonabile, per intensità, a quello dell’Aquila anche se lo scenario è diverso”, secondo il capo del Dipartimento Protezione Civile Fabrizio Curcio.

 

 

Terremoto tra Lazio e Marche, sale a 290 il numero dei morti ultima modifica: 2016-08-24T09:22:31+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags