Festival letterari

Tempo di Libri, il bilancio (positivo) della seconda edizione

Tempo di Libri, il bilancio (positivo) della seconda edizione

Chiude con un totale di 97.240 biglietti staccati e presenze registrate (+ 60% rispetto al 2017) la seconda edizione di Tempo di Libri. Tutti i numeri ed il commento degli organizzatori…

MILANO –  Chiude con un totale di 97.240 biglietti staccati e presenze registrate (+ 60% rispetto al 2017) la seconda edizione di Tempo di Libri, la Fiera Internazionale dell’Editoria organizzata da AIE – Associazione Italiana Editori e Fiera Milano, nell’ambito di Milano Città creativa Unesco per la Letteratura. Fin dall’inaugurazione, alla vigilia delle cinque giornate, con la festa Incipit e le letture degli studenti, Tempo di Libri ha mostrato un volto giovane: 16 mila i bambini e ragazzi arrivati con le proprie classi per seguire incontri e cimentarsi nei laboratori.

Appuntamenti e ospiti

I cinque sentieri tematici che Tempo di Libri ha proposto al pubblico – Donne (giovedì 8), Ribellione (venerdì 9), Milano (sabato 10), Libri e immagine (domenica 11), Mondo digitale (lunedì 12) – hanno attraversato i 35 mila metri quadrati dei padiglioni, coinvolto 425 espositori (tra case editrici, riviste, associazioni, biblioteche, librerie, enti pubblici, start up) e animato – su un palcoscenico di 37 tra sale, spazi incontri e laboratori850 appuntamenti, con la partecipazione di 1.200 ospiti. Tantissimi gli incontri che hanno registrato il tutto esaurito, soprattutto nel weekend.

Festa del libro

Volevamo che fosse una festa del libro e così è stato, siamo felicissimi” ha dichiarato Ricardo Franco Levi, Presidente dell’Associazione Italiana Editori. “Milano ha parlato e ha detto ad alta voce: ‘Tempo di Libri ci è piaciuta e la vogliamo ancora’. Adesso – ha aggiunto Levi – parte il lavoro per la prossima edizione: sarà in questi stessi giorni e vorremmo che comprendesse la giornata delle donne, che ci ha portato fortuna. Il nastro color fucsia dell’inaugurazione, tagliato da una bambina, è tra le immagini più belle di questa Fiera”. “L’impostazione che abbiamo dato alla Fiera con cinque giornate organizzate ciascuna intorno a un tema specifico e con un ventaglio di proposte tanto ampio da andare incontro alle curiosità e alle aspettative di un pubblico variegato – ha sottolineato Andrea Kerbaker, direttore di Tempo di Libriè stata giusta e ha raccolto un altissimo gradimento. Il direttore di una manifestazione di questo tipo lavora in funzione di espositori e visitatori. Se loro sorridono, sorride anche lui. E qui ho visto molti sorrisi”.

Le novità di quest’anno 

Parte integrante dell’ottima riuscita di questa edizione è, sul versante più strettamente professionale, il successo atteso e confermato anche per il MIRC Milan International Rights Center, che ha definitivamente attestato Tempo di Libri come il primo appuntamento importante nel calendario editoriale internazionale: oltre 500 i partecipanti, da 32 Paesi, e più di 6.500 appuntamenti. I 170 operatori stranieri e gli oltre 330 italiani hanno avuto agende fitte e numerose occasioni di consolidare rapporti già avviati ed esplorare nuove opportunità di business, oltre alla gioia di visitare alle Gallerie d’Italia, grazie al sostegno di Banca Intesa, la mostra L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri. Novità di quest’anno, il Frankfurt – Milan Fellowship, una stretta collaborazione fra AIE e Buchmesse in occasione di Tempo di Libri. Nei giorni precedenti la Fiera, è arrivata a Milano una delegazione di operatori stranieri per approfondire la conoscenza dell’editoria italiana visitando case editrici, librerie e biblioteche, che è poi confluita nel MIRC.

I media

Altissima l’attenzione da parte dei media, con 2.500 accreditati, fra giornalisti e blogger, che hanno seguito la Fiera, con oltre 3.000 riscontri fra articoli cartacei e online, servizi radio e tv (dal 1° giugno 2017 a oggi). E nei cinque giorni di Fiera, giornalisti e relatori hanno avuto una vera e propria “casa”: il Tempo di Libri Club, che ha ospitato migliaia di persone facendo da teatro a interviste con autori, racconto in presa diretta degli appuntamenti, incontri e nuovi contatti, momenti conviviali e informali. Prezioso è stato l’apporto delle aziende che hanno arredato il Club contribuendo a renderlo speciale (Nimar, Calligaris, Operae, Didesign, con il contributo di Carpet Edition, Intentions, Siderio) e ad Autogrill che ha curato il catering.

Tempo di Libri sui social

Ottimi i risultati anche sul fronte digitale: dall’8 marzo a oggi più 2,1 milioni di utenti sul web hanno seguito Tempo di Libri tramite i canali social ufficiali, con oltre 13.500 fra commenti, mi piace, retweet, condivisioni. I video pubblicati sulla pagina Facebook (sulla quale ogni contenuto ha registrato, in media, 16 mila visualizzazioni), soprattutto in diretta streaming dalla postazione #RadioTDL18 (circa 60) e dalle conferenze (2 al giorno), hanno totalizzato 500 mila visualizzazioni. Coinvolgimento della community anche su Instagram, con circa 500 immagini postate che hanno raggiunto 400 mila persone, e su Twitter (superati 5,6 mila follower, con più di 170 tweet).

Tempo di Libri, il bilancio (positivo) della seconda edizione ultima modifica: 2018-03-13T10:23:24+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags