Libri

Perché “Could you be loved” di Bob Marley è da considerarsi poesia

Perché "Could you be loved" di Bob Marley è da considerarsi poesia

“Ognuno ha la propria testa – ci dice Bob Marley in ‘Could you be lovedì’ – così al diavolo se quel che pensi non è giusto!”…

MILANO – Come si forma il nostro pensiero? Dove hanno origine le nostre idee? Quando possiamo dire di avere un’opinione su un argomento, che sia il percorso che abbiamo deciso di seguire o il candidato che abbiamo deciso di votare? Qualsiasi sia la nostra scelta il rischio è che pur di non restare soli rinunciamo a pensare con la nostra testa, a seguire le nostre inclinazioni, a fare ciò che veramente può renderci felici, senza capire che solo se siamo noi stessi potremmo essere amati. Il fatto è che non dobbiamo permettere, come canta Bob Marley in “Could you be loved”, di farci ammaestrare. “Ognuno ha la propria testa – ci dice il cantautore giamaicano – così al diavolo se quel che pensi non è giusto!“.

LEGGI ANCHE: Perché “Imagine” di John Lennon è da considerarsi poesia

L’AMORE NON CI LASCERÀ MAI SOLI – “Il percorso della vita è arduo e anche tu potresti inciampare. Così, mentre punti il dito qualcun altro ti sta giudicando“. Già la vita è dura, ci dice Marley, e noi non facciamo nulla per semplificarla, giudicandoci gli uni gli altri e calpestandoci vicendevolmente i piedi. “Ama tuo fratello!“, ci dice Bob. Il suo è un messaggio di speranza, perché per quanto certe situazioni possano sembrare insopportabili e alcune strade finiscano per rivelarsi vicoli ciechi, non dobbiamo darci per vinti ed essere noi stessi, perché solo così potremo essere amati e quindi salvati: “L’amore non ci lascerà mai soli, nell’oscurità deve rivelarsi la luce“.

FUORI ROTTA – Come illustra chiaramente il filosofo Igor Sibaldi nel suo libro “Il coraggio di essere idioti”, il diverso fa paura. Così quando qualcuno si accorgerà che siamo diversi, che non abbiamo preso le strade canoniche, tenteranno di dissuaderci, ma “non permettere che ti cambino o che ti rimettano in riga, oh no!“, ci dice Marley, con la semplicità e la potenza che solo la grande poesia è in grado di conferire alle parole. Ma all’amore non dobbiamo mai rinunciare, perché rischiamo di correre il rischio di lasciarcelo scappare, dobbiamo evitare di fare come chi sente la mancanza dell’acqua soltanto quando il pozzo è prosciugato. Dobbiamo essere noi stessi, imparando ad essere liberi da costrizioni e dai giudizi della società, perché solo così, solo se agiremo liberamente, potremo essere amati. Could you be loved?

LEGGI ANCHE: Perché “La canzone dell’amore perduto” di De André è da considerarsi poesia

Perché “Could you be loved” di Bob Marley è da considerarsi poesia ultima modifica: 2017-05-11T12:06:00+00:00 da francesca

© Riproduzione Riservata
Tags