Libri

Perché “Almeno tu nell’universo” di Mia Martini è da considerarsi poesia

18447711_10212806950673160_461679828_n (1)

“Almeno tu nell’universo” è un brano scritto da Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio nel 1972 e inciso da Mia Martini nel 1989…

MILANO – Non di rado ci sentiamo in balia del caos, della confusione e dell’instabilità. Per certi versi siamo attratti da questo marasma al quale la città sa dar vita così bene. Ci facciamo trasportare dalle novità, da quella frenesia che che ci fa sentire sulla cresta dell’onda. Il mare è mosso ma stiamo a galla. Non abbiamo punti di riferimento ma quasi non ci facciamo caso, se non fosse che a un certo punto cominciamo a ruotare la testa alla disperata ricerca della riva. Ma tutto è buio. Niente si vede all’orizzonte, se non quel caos di cui fino a poco prima ci siamo beati. Ed è solo in questi momenti che ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di un punto fisso, di un faro che per quanto ci allontaniamo da riva sappia indicarci la via di casa.

LEGGI ANCHE: Perché “Emozioni” di Battisti e Mogol è da considerarsi poesia

LA GENTE È STRANA – Ed proprio di questo bisogno di un punto di riferimento che parla “Almeno tu nell’universo”, il brano scritto da Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio nel 1972 e inciso da Mia Martini soltanto nel 1989. Presentato al Festival di Sanremo valse alla cantante il Premio della Critica. La gente è “strana”, è “matta”, è “sola”, è falsa, ipocrita e incoerente. Ma forse, come se nel corso della canzone si procedesse a una progressiva immedesimazione nella “gente”, pare che – a guardare bene – sia possibile capirne le ragioni, come se ciò che ha reso “strana” e “matta” la gente non sia nient’altro che la solitudine e la mancanza di un punto fisso. “Sai, la gente è matta – canta Mia Martini – forse è troppo insoddisfatta, segue il mondo ciecamente, quando la moda cambia lei pure cambia, continuamente, scioccamente“.

ALMENO TU – Ma questa è una lettera d’amore dedicato a quel “Tu”, una persona che è diversa e che riesce a rendere diversa anche chi ha vicino. “Tu, tu che sei diverso, almeno tu nell’universo, un punto sei, che non ruota mai intorno a me – fa la canzone – Un sole che splende per me soltanto, come un diamante in mezzo al cuore“. Sì, perché il mondo si muove e cambia a una velocità che spesso ci pare insostenibile e il rischio di perdere la bussola è alto se non abbiamo qualcuno a cui aggrapparci. Ed è questo che viene chiesto in questa lettera, di non cambiare: “Tu, tu che sei diverso, almeno tu nell’universo! Non cambierai, dimmi che per sempre sarai sincero e che mi amerai davvero di più, di più, di più…“. L’amore è la cura, come insegna anche Franco Battiato.

LEGGI ANCHE: Perché “Mi sono innamorato di te” di Luigi Tenco è da considerarsi poesia

Perché “Almeno tu nell’universo” di Mia Martini è da considerarsi poesia ultima modifica: 2017-05-12T09:36:18+00:00 da francesca

© Riproduzione Riservata
Tags