In evidenza

Paolo Borsellino, i 5 libri per non dimenticare la strage di via D’Amelio

17072014171257_sm_8352

Nel giorno del ricordo dell’anniversario della scomparsa di Paolo Borsellino, vi proponiamo alcuni libri per non dimenticare la strage di via D’Amelio …

MILANO – La vita di Paolo Borsellino, magistrato, marito e padre, è stata da esempio per molti. La sua tragica morte, avvenuta nel 1992 a Palermo, ha lasciato un vuoto all’Italia intera. Insieme all’amico e collega Giovanni Falcone, assassinato solo 57 giorni prima, Borsellino è diventato l’eroe simbolo della lotta contro la mafia. Dopo avervi ricordato le sue frasi più importanti, per non dimenticare il suo lavoro e il suo esempio, vi segnaliamo anche i cinque libri imperdibili

 .

OLTRE IL MURO DELL’OMERTA’. SCRITTI SU VERITA’, GIUSTIZIA E IMPEGNO CIVILE –   Scritti su verità, giustizia e impegno civile – Paolo Borsellino è uno dei simboli della lotta alla mafia e dell’impegno civile. Eppure, per la sua dedizione assoluta al lavoro, e per il suo carattere schivo, furono rarissimi i suoi interventi scritti, nonostante l’intensa attività oratoria, e la personalità complessa e umanissima. Per la prima volta sono presentati in volume gli scritti privati e gli appunti di Borsellino, dimenticati per troppo tempo e invece fondamentali per comprenderne il pensiero. Una raccolta di riflessioni che toccano argomenti ancora attuali: carcere duro, riforma della giustizia, divisione delle carriere, lotta alla droga, intercettazioni e pentiti e, soprattutto, la pericolosa convergenza di interessi fra le mafie e alcuni settori dello Stato. Ma anche scritti più personali – come la durissima commemorazione dell’amico Giovanni Falcone – che ci restituiscono tutta la forza, la sensibilità e il coraggio di un grande magistrato. Presentazione di Manfredi Borsellino. Prefazione di Antonio Ingroia.

.

DA CHE PARTE STARE. I BAMBINI CHE DIVENTARONO GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO – Sono passati vent’anni da quando, nelle stragi di Capaci e di via d’Amelio, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sono stati assassinati dalla mafia insieme agli agenti della scorta. Alberto Melis, attraverso le parole delle loro sorelle, Maria Falcone e Rita Borsellino, ricostruisce l’infanzia dei due magistrati con l’intento di ricordare ai ragazzi il loro esempio, ma anche di dare un messaggio di speranza. Perché la mafia si può davvero sconfiggere se tutti noi, anche da piccoli, facciamo il nostro dovere, come diceva Falcone, e scegliamo di stare dalla parte giusta del mondo. Quella dell’onestà.

.

IL VILE AGGUATO. CHI HA UCCSO PAOLO BORSELLINO. UNA STORIA DI ORRORE E MENZOGNA – A Paolo Borsellino, spazzato via venti anni fa da un’autobomba sotto casa di sua madre, in via D’Amelio a Palermo, piaceva citare dal Giulio Cesare di Shakespeare la frase secondo cui ‘è bello morire per ciò in cui si crede. Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola’. Il fatto è che l’omicidio di Borsellino è ormai diventato uno di quei buchi neri della storia italiana, simile in questo al rapimento Moro, in cui come in un gorgo si annodano e si raccolgono tutti i misteri, i protagonisti, le inconfessabili verità di un paese che ha sempre avuto molto da nascondere, in primo luogo a se stesso. ‘Questo è stato il destino del nostro eroe; e l’Italia non è un paese per eroi. La ricerca della verità sul suo assassinio implicava un contributo di onestà, che è stata soffocata. Difficile ormai che si possa recuperare il tempo perduto, perché ormai quella stessa ricerca della verità è strettamente connessa (i luoghi, i palazzi di giustizia, i contesti) con la ricerca delle ragioni della disonestà di chi doveva cercarla. E dunque, diventa un’impresa quasi impossibile.’ Ma quello che è possibile fare è mettere insieme tutti i pezzi, ripulirli a uno a uno e metterli nell’ordine giusto, per raccontarli a chi li ha dimenticati, o li ricorda solo confusamente. Questo è ciò che Enrico Deaglio ha fatto in questo libro.

,

VOLEVO NASCERE VENTO. STORIA DI RITA CHE SFIDO’ LA MAFIA CON PAOLO BORSELLINO – Rita ha diciassette anni quando si trasferisce a Roma e abbandona per sempre Partanna, il suo paese in provincia di Trapani. Il perché non è facile da raccontare: non è facile guardare in faccia il Mostro che le ha rubato l’infanzia e la famiglia. Ma poi, un giorno, l’incontro con il giudice Paolo Borsellino le cambia la vita: Rita si sente al sicuro e a lui decide di raccontare tutto quello che sa. Quell’uomo con i baffi, in giacca e cravatta, diventa da subito uno zio, ‘lo zio Paolo’, un cantastorie di verità. E nonostante la verità sia dolorosa da accettare, Rita non smette mai di circondarsi di musica e colori, di amore e sogni, come faceva da bambina. La storia di Rita Atria si lega tragicamente alle stragi di mafia del 1992 in cui morirono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Oggi, un romanzo per ricordarla e continuare a credere che un’altra strada c’è: quella verso la giustizia

.

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO – In questo piccolo libro di cento pagine raccogliamo le ultime parole dei due magistrati che sono diventati il simbolo dell’Italia onesta. Di Falcone pubblichiamo, tra l’altro, ‘La mafia non è invincibile’ (1990) e ‘La mafia come Antistato’ (1989), interventi lucidi e determinati nel raccontare la criminalità organizzata come vero e proprio sistema di potere alternativo allo Stato e alla legge. Falcone lo diceva vent’anni fa. Aveva già visto e capito tutto. Di Borsellino pubblichiamo ‘Il mio ricordo di Giovanni Falcone’, intervento del 23 giugno 1992, a un mese dalla strage di Capaci; ‘L’ultima lezione’, cioè il discorso agli studenti di Bassano del Grappa (1989); ‘L’ultimo discorso’ (Marsala, 4 luglio 1992); ‘L’ultima intervista’ ai giornalisti francesi Fabrizio Calvi e Pierre Moscardo e l’intervento alla Biblioteca comunale di Palermo del 25 giugno 1992, un atto d’accusa sofferto e violento contro alcuni magistrati, definiti Giuda in una sala piena e pietrificata.

.

 

Paolo Borsellino, i 5 libri per non dimenticare la strage di via D’Amelio ultima modifica: 2017-07-19T08:35:00+00:00 da developer

© Riproduzione Riservata
ACQUISTA IL LIBRO "LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO" DI A. MASCALI QUI
Tags