Aforismi

Letteratura, impegno e femminismo nelle parole di Simone de Beauvoir

13042015174004_sm_11668

In occasione dell’anniversario della scomparsa di Simone De Beauvoir, vogliamo ricordare la grande scrittrice francese attraverso le sue frasi più belle…

MILANO – Simone de Beauvoir, di cui oggi ricorre l’anniversario della scomparsa, nacque a Parigi il 9 gennaio 1908 in una famiglia alto-borghese, segnata presto dalla bancarotta del nonno paterno Gustave Brasseur. Radicalmente atea come Sartre, ne ‘La Cérémonie des Adieux’ aveva scritto a riguardo della morte di colui col quale aveva condiviso gran parte della sua esistenza e delle sue idee: ‘La sua morte ci separa. La mia morte non ci riunirà. È così; è già bello che le nostre vite abbiano potuto essere in sintonia così a lungo’. Di seguito, le sue parole più belle. 

 

‘Vi sono risposte che non avrei la forza di ascoltare e perciò evito di porre le domande.’

 

‘Mi è stato più facile pensare un mondo senza creatore, che un creatore pieno di tutte le contraddizioni del mondo.’

 

‘Il vuoto del cielo disarma la collera.’

 

‘Non si trasforma la propria vita senza trasformare se stessi.’

 

‘Una donna libera è il contrario di una donna leggera.’

 

‘Un giorno un’adolescente, un’altra me stessa, avrebbe bagnato con le sue lacrime un romanzo in cui io avrei raccontata la mia propria storia.’

 

‘Desidero che ogni vita umana sia pura e trasparente libertà.’

 

‘Se vivi abbastanza a lungo, vedrai che ogni vittoria si muta in una sconfitta.’

 

‘Non si nasce donne: si diventa.’

 

Letteratura, impegno e femminismo nelle parole di Simone de Beauvoir ultima modifica: 2017-04-14T09:50:00+00:00 da francesca

© Riproduzione Riservata
Tags