Biblioteche

Le biblioteche dove non te le aspetti

Le biblioteche dove non te le aspetti

Torino possiede una buona rete di biblioteche civiche, ma anche di altri luoghi non convenzionalmente adibiti alla consultazione di libri. Scopriamo insieme quali…

TORINO – Torino possiede una buona rete di biblioteche civiche, presenti in vari quartieri, a cui va aggiunto il circuito dello SBAM, che unisce varie biblioteche di Comuni limitrofi. Ma i libri devono essere sempre più presenti nella vita delle persone, ed ecco che sotto la Mole hanno aperto tre punti prestito in luoghi insoliti, a cura del progetto LegGo!, nato in San Salvario, quartiere laboratorio e non sempre facile tra il centro di Torino, il Valentino e la zona degli ospedali.

In via Sant’Anselmo 21, in pieno San Salvario, presso l’associazione Opportunanda, ogni martedì dalle 12 alle 16 è possibile prendere in prestito libri in uno spazio che si rivolge in particolare ad un’utenza con difficoltà abitativa, che magari ha remore a frequentare le biblioteche tradizionali. Il venerdì dalle 16 e 30 alle 19 e 30 è in funzione un punto prestito presso la stazione di Porta Nuova, con un presidio anche all’interno della stazione della metropolitana, in modo da andare incontro alle esigenze di chi prende i mezzi e si sposta in città.

La novità di fine 2016 è la possibilità di prendere in prestito libri presso l’Ospedale Molinette, ogni lunedì mattina, nell’atrio di corso Dogliotti. Un modo per rendere i libri fruibili dai degenti in ospedale e dal personale sanitario.

Tutte iniziative da tenere d’occhio: per il resto, sul fronte biblioteche, si segnala a Torino la riapertura nel corso del 2017 della Biblioteca Carluccio di via Monte Ortigara, zona Parella, chiusa da un paio d’anni per problemi di bonifica d’amianto.

Inoltre, la prossima entrata nel circuito delle biblioteche civiche torinesi della Biblioteca Riccardo Valla del Mufant, Museo del fantastico e della fantascienza, in via Reiss Romoli 49 bis, che sarà un centro di documentazione e consultazione di saggi, romanzi, audiovisivi, riviste e fumetti inerenti l’immaginario.

E intanto continua l’iniziativa Leggermente, che coinvolge la Circoscrizione 2, tra Mirafiori e Santa Rita, e vede incontri presso le Biblioteche civiche Cesare Pavese e Villa Amoretti, il Mausoleo della Bela Rosin e altri luoghi, come la Cascina Roccafranca, circoli e condomini, in un’ottica della lettura condivisa tra persone nella maniera più vasta possibile.

Elena Romanello

Le biblioteche dove non te le aspetti ultima modifica: 2017-01-03T09:42:05+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags