Arte

La giovane artista che ha scritto poesie sulle foglie dei parchi di New York

La giovane artista che ha scritto poesie sulle foglie dei parchi di New York

Le foglie autunnali non perdono mai il loro fascino ma, arricchite da una poesia scritta a mano da una ragazza molto creativa, sono riuscite ad emozionare gli abitanti della città di New York …

MILANO – Un’idea creativa ed originale ha spinto Elena Zaharova, una giovane grafica di Brooklyn, New York, a scrivere a penna delle poesie sulle foglie autunnali della sua città, regalando un sorriso e delle piccole emozioni a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di trovarne una e leggerne i versi.

La giovane artista che ha scritto poesie sulle foglie dei parchi di New York

Ogni foglia un’emozione

La giovane ragazza ha deciso di realizzare questo bellissimo progetto scrivendo con la sua calligrafia ordinata e pulita delle poesie su 86 foglie che ha poi lasciato cadere in 5 diversi parchi, a Manhattan, Washington Square, Union Square, Madison Square, Bryant Park e Tompkins Square. Come la ragazza ha raccontato sul sito di BoredPanda, probabilmente alcune di queste foglie molto speciali non sono state notate da nessuno, ma altre hanno sicuramente emozionato i passanti, invitandoli a riflettere sulla bellezza delle piccole cose.

fogliapoesia2

Leggi anche: Ochiba Art, in Giappone le opere d’arte si creano con le foglie d’autunno

 

La giovane artista che ha scritto poesie sulle foglie dei parchi di New York ultima modifica: 2017-12-04T11:30:33+00:00 da sofia

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
  • Alberto Esse

    Bella, ma quanto a originalità: nel dicembre del 1993 (26 anni fa!) ho realizzato l’installazione “42 fogli vive” in cui ho sparso nella principale piazza di Piacenza 42 foglie secche su cui avevo scritto la poesia di Ungaretti “si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”. Nel 2015 ho ripreso questo lavoro realizzando con 20 foglie originali del 1993 l’opera “Soldati” esposta nella collettiva “L’acrobata sull’acqua” al Piccolo Museo della Poesia di Piacenza e a Palazzo Ducale di Lucca. A volte non è necessario volare fino a New York, ma basta guardarsi attorno.

Mostra più commenti