In evidenza

“Il Piccolo Principe”, 10 curiosità sull’opera di Antoine de Saint-Exupéry

"Il piccolo principe", 10 curiosità sull'opera di Antoine de Saint-Exupéry

Siete sicuri di conoscere tutto sulla storia raccontata da Antoine de Saint-Exupéry e sul suo autore? …

MILANO – Il racconto di Antoine de Saint-Exupéry  ha deliziato i lettori fin da quando è stato pubblicato. E’ considerato uno dei più grandi capolavori letterari di sempre.  Il 6 aprile del 1943 fu reso disponibile in inglese e poi in francese, in un contesto mondiale tutt’altro che avvezzo ad allegorie e messaggi sentimentali. Da quel momento, il volo del Piccolo Principe ha toccato i cuori di tanti con le sue storie. Siete sicuri di conoscere tutto sulla storia raccontata da Antoine de Saint-Exupéry e su quella del suo autore? Scopriamo insieme grazie al sito mentalfloss.com

LEGGI ANCHE: LE FRASI PIU’ BELLE TRATTE DAL PICCOLO PRINCIPE 

.

1) Uno dei personaggi principali non è mai mai mostrato al lettore 

Curiosamente, il pilota, narratore nonché uno dei personaggi principali, non è mai raffigurato nel libro. Nel 2014 alla Morgan Library di New York sono stati esposti molti dei disegni inediti di Saint- Exupéry, tra cui uno raffigurante il narratore che dormiva accanto a suo aereo. Christine Nelson, curatore di manoscritti letterari e storiche presso la Morgan, ha condiviso i suoi pensieri sul pezzo: “Possiamo solo cercare di indovinare il perché [ egli ] abbia deciso di rimuovere l’immagine dal libro. 

.

2) Orson Wells voleva realizzare un film tratto dall’opera con l’aiuto di Walt Disney 

Welles è rimasto così affascinato dalla storia che ne ha acquistato i diritti cinematografici il giorno dopo aver letto il libro. Voleva lavorare con Walt Disney e ha anche chiesto alla Disney di gestire gli effetti speciali , ma i due artisti non sono riusciti a portare avanti una collaborazione produttiva. La sceneggiatura originale di Welles è stata presentata sempre alla mostra della Morgan a New York. 

.

3) Saint – Exupéry lasciò il manoscritto dell’opera a un amico prima di partire con la guerra

Saint-Exupéry ha lasciato un “sacchetto di carta sgualcito ” contenente il suo progetto di manoscritto e illustrazioni originali sul tavolo di un amico prima di partire di nuovo per la guerra. Le 140 pagine del manoscritto erano in una prosa illeggibile, macchiate dal caffè, e rovinate da bruciature di sigarette. Ha lasciato il manoscritto come regalo d’addio, lasciando un biglietto con scritto: ” Mi piacerebbe lasciarti qualcosa di splendido, ma questo è tutto quello che ho.”

.

4)  Saint-Exupéry ha sia scritto che illustrato il “Piccolo Principe” 

Saint-Exupéry  dipinse tutte le semplici illustrazioni ad acquerello della storia. Egli non si considerava un “artista “, ma amava scarabocchiare e gli era sempre piaciuto disegnare piccole persone su pezzi di carta. 

.

5) Ha improvvisato la realizzazione delle illustrazioni del libro

Saint-Exupéry non aveva accesso ad alcun tipo di archivio, così ha basato le illustrazioni su ciò che poteva trovare. Traendo ispirazione dalla sua vita, ha modellato molti dei personaggi sulle persone che conosceva.

 

LEGGI ANCHE: 5 lezioni di vita tratte da “Il Piccolo Principe”

.

7) Tra realtà e immaginazione 

Il libro inizia quando il pilota protagonista incontra un bambino nel pieno del deserto del Sahara. È tratto da una storia vera, di quando nel 1935, nel Sahara libico, insieme al compagno Andrè Prevot, lo scrittore rischiò quasi di morire disidratato. La fine del libro, invece, è una sparizione. Così come sparì Antoine de Saint-Exupéry nella vita: quando il suo aereo si disperse durante una missione di ricognizione il 31 luglio 1944.

 

8) Si dice che sia stata “La sirenetta” a spingere Antoine de Saint-Exupéry a scrivere l’opera

Anche se la vera origine della storia è ampiamente dibattuta, una teoria comune sostiene che Saint-Exupéry sia stato ispirato dalla famosa fiaba di Christian Andersen. All’inizio degli anni ’40, Saint-Exupéry è stato bloccato in un ospedale, mentre si riprendeva da varie lesioni che si erano accumulate dai suoi incidenti aerei. Mentre guariva dalle ferite un suo amico gli lesse “La Sirenetta”, da qui nacque questa convinzione.

.

9) L’autore francese non vide mai la sua opera pubblicata in Francia 

Pubblicato la prima volta nel 1943 , Il Piccolo Principe è stato rilasciato in francese e in inglese, ma solo negli Stati Uniti. A causa delle sue idee politiche controverse, le opere di Saint- Exupéry non erano facilmente disponibili sotto il regime di Vichy, quindi il libro non è stato pubblicato fino alla liberazione della Francia, dopo la morte dell’autore.

.

10) E’ uno dei libri più letti e tradotti al mondo 

E’ uno dei libri più letti e più tradotti del mondo, la storia è spesso usata nelle scuole come uno strumento didattico. Il suo stile è frizzante e ciò lo rende particolarmente utile per insegnare ai bambini la lingua straniera. Una piccola curiosità. Nel 2005 è stato tradotto in una lingua amerindia del nord dell’Argentina chiamata Toba, fin qui nulla di strano se non fosse che l’unico altro libro tradotto in Toba è la Bibbia .

.

 

.

 

“Il Piccolo Principe”, 10 curiosità sull’opera di Antoine de Saint-Exupéry ultima modifica: 2018-06-29T09:00:34+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
ACQUISTA IL LIBRO "IL PICCOLO PRINCIPE" DI ANTOINE DE SAINT-EXUPERY QUI
Tags